Il dono di Putin a Bergoglio: l'icona mariana che Stalin oppose all'avanzata nazista

Il presidente russo dona al Papa l'icona della Madonna di Vladimir, la copia dell'immagine che Stalin fece volare su Mosca quando era sotto l'attacco nazista

Papa Francesco bacia l'icona della Madonna di Vladimir

Come ricorda Avvenire, quando scoppiò la Seconda guerra mondiale, mentre altri gerarchi sovietici come Molotov rivolsero discorsi alla popolazione salutandola con "cittadini e cittadine", Stalin si rivolse al popolo russo chiamando "fratelli e sorelle". "E ciò - ha spiegato Vladimir Putin ieri in visita da papa Francesco - ha un grandissimo significato: non furono solo parole ma un appello al cuore, alle anime, alla storia, alle nostre radici". Ed è davanti a questa Storia che il presidente russo e il Santo Padre si fermano e si inchinano per baciare l'icona della Madonna. Il segno della Croce e il bacio. Prima Putin, poi Bergoglio. Tra gli scatti e i flash delle macchine fotografiche. Un'immagine che è destinata a fare il giro del mondo. Perché quell'icona, che il capo del Cremlino ha voluto donare al Pontefice, è un pezzo della storia della Russia ortodossa: quando nel dicembre del 1941 i tedeschi si trovavano alle porte di Mosca, Stalin fece caricare l'originale dell'immagine sacra su un aereo per farla sorvolare sulla città assediata.

Come nella Seconda guerra mondiale il dittatore comunista ha voluto affidare alla Vergine le sorti del Paese, così Putin e papa Francesco hanno pregato la Madonna perché porti la pace nel mondo. Lo scambio dei doni è avvenuto dopo il colloquio privato nella Sala della Biblioteca. Il Santo Padre ha regalato al presidente russo un mosaico con una veduta dei Giardini Vaticani, mentre Putin lo ha ricambiato con l'icona della Madonna di Vladimir, una delle immagini più venerate della Chiesa ortodossa. E, mentre il Pontefice si allontanava dal tavolo dei doni, Putin lo ha fermato chiedendogli: "Le piace l’icona?". E, non appena Bergoglio ha chinato il capo per rispondere affermativamente, Putin si è fatto il segno della croce secondo l’uso ortodosso e ha baciato l'icona mariana. Un gesto che, subito dopo, è stato imitato anche dal Pontefice.

Se il tema della difesa delle comunità cristiane in Medio Oriente, di cui Putin si sta ergendo a una sorta di paladino, è stato solo accennato, l'incontro è stato l'occasione giusta per affrontare anche la questione dei rapporti e della distensione tra la Chiesa cattolica e quella ortodossa e ancora di più quella di un possibile viaggio del Pontefice in Russia. Il ruolo di "vescovo di Roma" più volte sottolineato dal Papa, dando peraltro valore alla collegialità in seno alla Chiesa cattolica, pone le basi per rapporti tra cattolici e ortodossi più distesi dopo le polemiche, avvenute negli anni di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, tra la rinnovata vitalità della Chiesa cattolica nei territori della ex Unione Sovietica e un patriarcato ortodosso sospettoso che dietro vi fossero progetti di espansionismo religioso. "Il presidente russo - ha riferito padre Federico Lombardi - ha portato a papa Francesco il saluto del patriarca di Mosca Kirill, capo degli ortodossi russi". Tuttavia, non è stato formulato l’invito a recarsi in Russia. Invito, ha rilevato ancora il portavoce della sala stampa vaticana, che "nessuno si aspettava ci fosse". Un aspetto, questo, che tocca prima di tutto i rapporti tra le due Chiese.

Commenti
Ritratto di abj14

abj14

Mar, 26/11/2013 - 14:21

Troppo forte; Putin che si fa il segno di croce e bacia l'icona della Madonna durante la presentazione al Papa ! Meno male che Putin c'è.

Soldato

Mar, 26/11/2013 - 15:07

Grande Putin! L'unico uomo di stato di grande levatura che ci sia in giro oggi...

diego_piego

Mar, 26/11/2013 - 15:24

ma come? Stalin non era uno sporco comunista mangiapreti? e i nazisti che assediavano Mosca non erano quegli angioletti alleati dei fascisti (anch'essi in Russia a combattere di fianco ai crucchi) che cercavano di salvare il mondo dal comunismo? putin con chi sta? con i comunisti o contro i comunisti? e Berlusconi durante l'assedio nazi-fascista di Mosca per chi tifava? per i rossi mangiapreti o per i cattolici fascisti e nazisti?

janry 45

Mar, 26/11/2013 - 15:34

Putin,baciando l'immagine della Madonna durante una visita ufficiale, ha dato uno schiaffo morale ha tutti i politici cattolici italiani, che si sono sempre vergognati di farlo.

andrea24

Mar, 26/11/2013 - 15:43

E' semplicemente l'icona più venerata in Russia,mentre si cerca di fare propaganda anti-nazionalista,come dal titolo di questo articolo. Forse che prima dell'arrivo dei bolscevichi assassini della "rivoluzione russa" non contava nulla questa icona venerata dalla "antisemita" religione ortodossa russa? e dai Romanov? Intanto gli ucraini hanno ricordato l'olocausto ucraino voluto da Stalin in relazione alla collettivizzazione forzata dell'agricoltura.C'era invece qualche anno fa un articolo di un giornale israeliano scritto da un ebreo che ebbe il coraggio di scriverlo,articolo che venne poi cancellato e censurato "gli ebrei di Stalin".

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 26/11/2013 - 16:04

Grande Putin.I comunistucoli tipo stalin diventano cristiani solo in punto di morte o pericolo.Guttuso e tanti compagnozzi docet-.

andrea24

Mar, 26/11/2013 - 16:06

Americanismo e bolscevismo sono la stessa cosa,facce della stessa medaglia,e questo è sempre bene ricordarlo."Qui Stalin e Ford si danno la mano e,naturalmente,si stabilisce un circolo"...

andrea24

Mar, 26/11/2013 - 16:12

Anche i cattolici non possono non ricordare invece l'anniversario della nascita della Falange Spagnola(20 novembre 1936).

degrel0

Mar, 26/11/2013 - 16:30

Grande Stalin:come diceva Montanelli,ha ammazzato più comunisti di chiunque altro!

monitor

Mar, 26/11/2013 - 16:35

A me sembra uno "scherzo da prete" fatto da un miscredente. Tuttavia, Putin è rimasto, obiettivamente, l'unico difensore della civiltà cristiana in questa Europa calabrache, inetta, pavida e che si vergogna di essere stata cristiana.

andrea24

Mar, 26/11/2013 - 16:36

Per evitare equivoci,la citazione posta in un commento precedente non è relativa all'icontro di Putin e Bergoglio.

Soldato

Mar, 26/11/2013 - 17:18

diego_piego, la domanda su Stalin dovresti rivolgerla a te stesso e ai mentacatti che ancora credono al comunismo! Quanto a Berlusconi, all'epoca dell'assedio di Mosca faceva la seconda elementare... Siete proprio dei poveretti!

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Mar, 26/11/2013 - 17:18

Mi sento in sintonia con tutti i commenti postati in precedenza. Uno in particolare, quello di 'andrea24', ha catturato la mia attenzione: ha detto una sacrosanta verità. Non so, forse alla maggioranza sfugge questo lato della storia poco battuto: quando Lenin e la sua banda di criminali prendono il potere in Russia, si fece gran festa a Wall Street! A parte che questi signori banchieri finanziarono la rivoluzione d'ottobre; non solo, fornirono gli strumenti necessari, soprattutto il treno dalla Svizzera, a Lenin. Quindi 'andrea24' ha detto una cosa giustissima. Tornando a Putin, beh, chi mi conosce è consapevole di quanta considerazione e stima io nutra per questo grande uomo. Per carità, non piego le mie ginocchia agli uomini e non idolatro un uomo; riconosco a Putin tre cose fondamentali: 1) scaltrezza e fermezza politica, non immune da quella sana e necessaria cifra di cinismo e cattiveria che ogni uomo di potere deve avere (fate il confronto con gli uomini e donne di sinistra nostrani, tipo la Boldrini) perchè , come diceva Rino Formica, la politica è sangue e m....! 2) l'ultimo(?) e unico baluardo nella difesa della Tradizione e dei valori che hanno rappresentato per tutta l'Europa il suo soffio vitale. Quanti uomini di Stato o di potere si sarebbero inchinati a baciare l'icona della Vergine? Putin è tutto il rovescio delle politiche cosiddette civili e solidali che stanno, attraverso lobby e potentati, degradando l'etica, la morale e la spiritualità del popolo europeo. Un Vendola o una Boldrini in Russia non esisterebbero. 3) l'unico uomo di potere che ha una visione a lungo termine, un obbiettivo da raggiungere chiaro e sicuro, mentre i nostri politici europei non sanno cosa fare e che pesci prendere (soprattutto perchè comandati dai veri potenti). La visita al Santo Padre ha in realtà anche un significato squisitamente politico. Negarlo sarebbe da stupidi perchè il Santo Padre è stato fermo sull'affare Siria. Chi ha orecchie per intendere...

maxaureli

Mar, 26/11/2013 - 17:55

Grande Putin!!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 26/11/2013 - 17:55

bravo Putin grande statista anche se con modi discutibili ma rispettoso e d educato.

Soldato

Mar, 26/11/2013 - 18:19

Dobermann, post chiaro ed esaustivo!

mbotawy'

Mar, 26/11/2013 - 19:08

E'probabile,tranne intralci dovuti alla Chiesa Cattolica Sud Americana, che Papa Bergoglio faccia il grande,e augurabile,passo del riconoscimento della Chiesa Ortodossa come vera e originale chiesa fondata da Cristo.Cio' terminerebbe l'editto papale di oltre mille anni fa',dove per dar freno agli scandali di prostituzione nel clero,emettesse l'ordine,o enciclica che enunciava la proibizione ai sacerdoti di avere una famiglia,come la avevano gli apostoli di Cristo.

mila

Mer, 27/11/2013 - 03:44

Perche' Putin dovrebbe essere comunista? Entrare nel KGB quando lo fece lui voleva dire entrare nei Servizi Segreti del proprio Paese, magari piu' per patriottismo che per ideologia.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 27/11/2013 - 05:12

Grande Putin

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 28/11/2013 - 09:07

diego_piego Berlusconi tifava per voi mangia maccheroni.

Vadimir1

Gio, 28/11/2013 - 18:38

IL GIORNALE.IL racconta favole e leggende. Nei circoli quasi ecclesiastici e quasi storici girano storie di un miracolo di Mosca nel dicembre 1941, che non hanno prove documentali. Autori confusi in una testimonianza tra varie icone della Vergine, tra cui: Madonna di Kazan’, di Tichvin, di Vladimir e Ploscianskaij. “… Quando nel dicembre del 1941 i tedeschi si trovavano alle porte di Mosca, Stalin fece caricare l'originale dell'immagine sacra su un aereo per farla sorvolare sulla città assediata” – Però l’originale dell'icona della Madonna di Vladimir non era a Mosca durante questo periodo. Nel giugno 1941 è stata evacuata come parte della Galleria Tretyakov di Mosca a Novosibirsk. “Putin si è fatto il segno della croce secondo l’uso ortodosso e ha baciato l'icona mariana” – una pratica comune per la persona normale in Russia, che purtroppo si trova raramente in Europa.