Mondo

Egitto, Sisi ha presentato le firme necessarie per correre alle elezioni

L'ex capo delle forze armate ha compiuto l'ultimo passo formale per presentarsi come candidato

Cairo, un poster mostra al-Sisi in divisa da militare
Cairo, un poster mostra al-Sisi in divisa da militare

L'ultimo passo che separava il feldmaresciallo egiziano Abdel Fatah al-Sisi dalla corsa per le elezioni presidenziali è stato compiuto oggi, quando un rappresentante legale ha consegnato alla commissione elettorale le firme necessarie a sostenere la candidatura.

Al-Sisi, che di recente ha dismesso la divisa da militare e rassegnato le dimissioni da ministro della Difesa, ha consegnato le firme necessarie a correre per la presidenza. La legge prevede che i candidati siano sostenuti da almeno 25mila cittadini, in almeno quindici delle ventisette province egiziane. L'ex capo delle forze armate ne ha raccolte 200mila.

Da generale l'ex militare aveva guidato la cacciata del governo di Mohammed Morsi, eletto nel 2012, dopo la caduta del regime di Hosni Mubarak e un periodo di transizione affidato a un altro militare, Mohammed Hoseyn Tantawi. Ora punta a ottenere la presidenza nelle elezioni di fine maggio.

Al momento, Sisi è l'unico candidato ad avere presentato le firme. Secondo il quotidiano Al Ahram anche un secondo candidato, Hamdeen Sabahi, avrebbe raccolto i 25mila nomi necessari. Già candidato nel 2012, quando ottenne il 20% delle preferenze, è sostenuto dai movimenti giovanili.

Il terzo nome in lizza dovrebbe essere quello di Mortada Mansour, presidente del club calcistico Zamalek, che già aveva cercato - senza riuscirci - di correre nel 2012. È criticato da più parti: in molti sostengono che la sua candidatura abbia l'unico scopo di aiutare al-Sisi.

Pochi giorni fa Mansour, a favore di uno "stato forte", ha dichiarato al quotidiano del Kuwait al-Jarida di essere "l'unico a poter realmente competere" con l'ex capo delle forze armate, forte di "20 milioni di sostenitori" del club di Giza.

Come Mansour, anche la giornalista Bothaina Kamel non riuscì a correre due anni fa, sprovvista delle firme necessarie. Oggi, secondo la stampa egiziana, ha completato la serie di esami medici richiesti ai candidati alla presidenza.

Commenti