Logo ilGiornale.it
ABBONATI
Mondo

Giochi Olimpici di Sochi, Putin ai gay: "Siete benvenuti, ma lasciate in pace i bimbi"

Il presidente russo: "Noi non abbiamo alcun divieto relativo alle relazioni sessuali non tradizionali tra le persone, come avviene in alcuni Stati degli Usa"

Giochi Olimpici di Sochi, Putin ai gay: "Siete benvenuti, ma lasciate in pace i bimbi"

"Siete i benvenuti in Russia, ma lasciate stare i bambini". Vladimir Putin si rivolge così agli omosessuali in vista dei Giochi Olimpici di Sochi. "Noi non abbiamo alcun divieto relativo alle relazioni sessuali non tradizionali tra le persone come avviene in alcuni Stati degli Usa, abbiamo un divieto sulla propaganda dell’omosessualita e pedofilia, non proibiamo alcunché e non arrestiamo nessuno. Perciò sentitevi calmi e rilassati. Ma lasciate in pace i ragazzini, per favore", ha dichiarato il presidente russo. "Il
dittatore russo parla di gay ogni giorno come se fosse un Giovanardi qualsiasi. Oggi ci invita ad andare ai Giochi olimpici ma non fa un passo indietro sull’orrida legge omofoba che nei fatti vieta qualsiasi manifestazione pubblica in Russia del movimento lgbt. Anzi se possibile peggiora persino la situazione parlandone con i volontari che presteranno servizio ai giochi stessi"
, ha tuonato Franco Grillini, presidente di Gaynet e consigliere regionale Emilia-Romagna (LibDem).

L'ex presidente dell'Arcigay ha poi ricordato che "molti governi europei (Germania, Russia, Francia, ecc) hanno già deciso di disertare a livello ufficiale i Giochi olimpici che di fatto sono una vetrina politica del dittatore russo. Cosa aspetta il governo italiano a fare altrettanto?".

Commenti
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica