Steinbrueck: "In Italia eletti due clown". E Napolitano annulla l'incontro

L'attacco del Psd al Cav e a Grillo: "Due clown". Schaeuble: "Da Italia rischio contagio". E il Capo dello Stato annulla l'incontro

Giorgio Napolitano e il presidente tedesco Joachim Gauck
Giorgio Napolitano e il presidente tedesco Joachim Gauck

All'indomani delle elezioni (e del caos uscito dalle urne), Giorgio Napolitano è andato in Germania, a Monaco di Baviera, dove ha incontrato gli intellettuali tedeschi per rassicurarli sull'affidabilità dell'Italia in Europa nonostante il rischio di ingovernabilità. Tuttavia, stasera, il presidente della Repubblica non incontrerà il candidato della Spd alla cancelleria Peer Steinbrueck che si sarebbe dovuta tenere questa sera a Berlino.

Steinbrueck aveva commentato il voto italiano dicendo di essere "inorridito dalla vittoria di due clown". Dichiarazioni "del tutto fuori luogo o ancora peggio", secondo il Presidente, che ha invece apprezzato quanto detto dal ministro delle Finanze, "esempio di amichevolezza, di riserbo e di rispetto". Schaeuble si era limitato a dire che in democrazia "non servono consigli pubblici da fuori: gli italiani decidono da soli". Lo stesso Schaeuble che oggi attacca: "Il risultato delle elezioni in Italia ha sollevato dubbi nei mercati sulla possibilità di formare un governo stabile e quando questo genere di dubbi sorge, c’è un pericolo di contagio".

Ieri sera, la Bild aveva riportato le dichiarazioni di Steinbrueck che, dopo aver visionato il risultato delle elezioni politiche, si era detto "sconcertato" e aveva duramente attaccato il leader del Movimento 5 Stelle e Silvio Berlusconi definendoli "due clown". Il candidato cancelliere della Spd aveva così offeso sia "il comico Beppe Grillo" sia il Cavaliere che era stato definito "uno che agisce sotto l’impulso del testosterone". A stretto giro la reazione di Napolitano che ha annullato l'incontro che si sarebbe appunto tenere questa sera a Berlino. "Quella che mi sta raccontando è una storia interessante - ha detto il portavoce del governo di Angela Merkel, Steffen Seibert - ma non la commentiamo". Confermando la notizia Peer Steinbrueck ha detto di comprendere la decisione di Napolitano e ha poi chiamato il Quirinale per chiarire la sua posizione. I suoi compagni di partito hanno invece rincarato la dose: "Clown è il concetto più morbido che personalmente mi viene in testa su Silvio Berlusconi in questo contesto", ha detto la segretaria generale dei socialdemocratici Andrea Nahles.

L'epiteto clown è stato usato anche da Nikolaus Blome sulle pagine online del quotidiano Bild. In un articolo intitolato "Pizza quattro stagnazioni", l'autore scrive: "Le sorti dell’Italia sono nelle mani di due clown: il primo è un vecchio dal volto gonfio come un pallone, talmente potente da poter bloccare qualsiasi legge sensata. L’altro è un clown più giovane il cui unico punto del programma è No a tutto".

Al centro del colloquio con gli intellettuali, invece, l'Unione europea, i "sentimenti dell'Europa" e gli elementi critici che prevede il rapporto tra istituzioni europee e cittadini. Nessun accenno diretto alle elezioni italiane, secondo quanto rivelato dal Presidente della Repubblica, preoccupato comunque dal "populismo crescente in Europa" e dal "pericolo di una scarsa legittimazione democratica" dovuto anche "agli errori delle classi dirigenti europee". Napolitano, che domani vedrà Angela Merkel, ha anche ricevuto l'apprezzamento del governo tedesco, legato da "una stretta amicizia" con l’Italia. "Il governo tedesco segue con grande attenzione ed interesse gli sviluppi della situazione italiana dopo le elezioni", ha detto Seibert sottolineando che il Capo dello Stato italiano ha un "ruolo centrale" in questa fase e che "darà le sue valutazioni".

Il Presidente della Repubblica ha poi incontrato gli italiani in Germania: "Rappresento l’unità nazionale. E penso che non sia molto diverso dal rappresentare la dignità nazionale. Mi sono sentito investito di ambedue questi mandati e doveri". E, riferendosi alle polemiche di Steinbrueck, ha aggiunto: "Rispettiamo la Germania ma esigiamo rispetto per il nostro Paese". In serata arriva la comunicazione di Napolitano: "È stata una telefonata di cortesia e di chiarimento della non volontà di essere offensivo".

Commenti