Siria, fonti sul rapporto Onu: usati razzi con il sarin. Indagini su 14 raid

Questa sera la consegna del rapporto sulle di armi chimiche: confermerebbe il loro utilizzo. La Commissione delle Nazioni Unite al lavoro su 14 raid

Siria, fonti sul rapporto Onu: usati razzi con il sarin. Indagini su 14 raid

Se ancora non è chiaro a chi debba essere attribuita la responsabilità di un attacco chimico, ciò che sembra certo è che i gas in Siria sono stati utilizzati. La prima pagina del rapporto consegnato oggi dagli ispettori Onu, spediti in Siria per indagare sull'utilizzo dell'arsenale con convenzionale, conterrebbe una conferma.

L'indiscrezione deriva - molto semplicemente - da un ingrandimento della foto in cui le pagine con i risultati dell'indagine vengono consegnate al segretario generale Ban Ki-Moon. E indica che "i campioni raccolti forniscono prove chiare e convincenti che sono stati utilizzati razzi contenenti gas sarin".

Ciò che gli stralci del rapporto - che sarà consegnato in serata - al momento non dicono, è se il governo di Damasco debba essere ritenuto responsabile. Altre indiscrezioni avevano ventilato l'ipotesi che dal lavoro degli ispettori venisse una condanna precisa per Bashar al-Assad. Nella pagine redatte dagli ispettori dovrebbe essere indicata la traiettoria dei lanci.

"Sulla base degli elementi acquisiti nell'ambito della nostra inchiesta sull'incidente di Al Ghouta", spiegano gli ispettori nello stralcio già noto della relazione, "la conclusione è che armi chimiche sono state utilizzate".

La Commissione d'inchiesta dell'Onu sulla Siria ha annunciato che sta indagando su 14 presunti attacchi che avrebbero utilizzato armi o agenti chimici a partire da settembre 2011. Di oggi la notizia che Bashar al-Assad ha invitato in Siria un membro della Commissione, Carla Del Ponte, per una visita in veste non ufficiale.

Commenti

Grazie per il tuo commento