Favola finita E dopo otto giorni, Nocentini perde la maglia: «Va bene così... per ora»

Perde la maglia, ma non il sorriso: «Ho provato a resistere il più possibile, ma dopo due settimane di corsa e tanto stress, non sono riuscito a fare di più. Credetemi: va bene così». Otto giorni in maglia gialla, il quinto posto nella classifica generale: si può ancora sognare. «Adesso voglio solo riposarmi un po’, faremo il punto con la squadra e decideremo se puntare ad un tappa, o a mantenere un buon piazzamento in classifica generale», spiega pacato e stanco Nocentini.
Non vede la maglia, ma si avvicina di molto, Vincenzo Nibali. «Ho fatto una buona tappa, tenuto conto che Alberto Contador è di un altro pianeta. Sono molto soddisfatto per il mio terzo posto e di come sto correndo questo Tour. Sono sempre lì nel vivo della corsa, mi sembra di stare anche sempre meglio. Insomma, la resistenza c’è». Nibali, siciliano di nascita (è chiamato lo «squalo dello stretto») e toscano di adozione (vive a Mastromarco) è tipo tosto, orgoglioso e concreto: non ama i voli pindarici. «Ripeto, sono al mio secondo Tour e dopo quello di un anno fa (ventesimo a 25’da Sastre, ndr) il mio obiettivo è entrare nella top ten. Ora sono sesto, spero di fare anche meglio». Il podio? «Sarebbe il massimo, chi non firmerebbe alla mia età per un podio? Il cammino è ancora lungo, ci sono tante tappe difficili e bisogna essere realisti. Certo, io ce la metterò tutta per ottenere da me il massimo e scoprire i miei limiti. Non chiedetemi però la luna». No, quella era alla portata di Lance, ma ieri è tornato sulla terra.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti