Finmeccanica, nel 2009 risultati oltre le stime

Un 2009 meglio delle aspettative, a dispetto della situazione economica e un 2010 sostanzialmente stabile. È questo il quadro che emerge dalle nuove linee guida finanziarie fissate ieri dal consiglio di amministrazione di Finmeccanica.
I risultati definitivi 2009 saranno presentati agli inizi di marzo, ma intanto la società di Piazza Montegrappa ritocca al rialzo tutti gli indicatori: per quanto riguarda i ricavi la “forchetta” è ora compresa tra 17,9 e 18,3 miliardi di euro, rispetto a 17,1-17,7. Crescita anche sul fronte dei nuovi ordini: la previsione è tra 21 e 21,5 miliardi, contro 20,8 miliardi. Bene anche la generazione di cassa, 500-570 milioni contro 400-500 milioni, mentre potrebbe registrare una riduzione dell’Ebitda, il margine operativo.
Considerando i risultati dei concorrenti internazionali e l’andamento del mercato, in particolare aerei ed elicotteri commerciali, si tratta di ottimi risultati e Pier Francesco Guarguaglini ha anticipato un dividendo pari a quello del 2008, 41 centesimi per azione.
Quanto al 2010, le nuove indicazioni prevedono un flusso di nuovi ordini in crescita a 21 miliardi (segno che i mercati domestici e quelli export tengono), così come un aumento dei ricavi, compresi tra 17,8 e 18,6 miliardi di euro (rispetto a 17,4-18,6), ma ci sarà un calo dell’Ebitda a 1,52-1,6 miliardi contro 1,65-1,76, mentre scende anche la previsione sulla generazione di cassa. Una conferma di come il mercato sia più competitivo, i margini inferiori, i clienti meno disposti a pagare anticipi.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.