«Forse ai politici di centrodestra fa male presiedere la Camera»

2 2 2
Gentilissimo Dottor Feltri, sono sempre stata una fedelissima di An ma ora delusa e ne provo solo il disgusto. Condivido perfettamente il suo bellissimo articolo su Fini; lei esprime tutta la tristezza e tutta la delusione di grandissima parte del popolo di An.
2 2 2
Caro Direttore, ne abbiamo abbastanza di voltagabbana e lacchè della sinistra che remano contro il governo: Fini non solo è ridicolo, ma è soprattutto penoso. Continui, la prego, a denunciare queste bassezze: siamo al suo fianco.
R.E.
2 2 2
Vittorio, sono con te, ho 50 anni e sono di destra da sempre. Sono inferocito per le esternazioni di Fini e ancora di più per la difesa di La Russa e Ronchi.
Antonio - Ravenna
2 2 2
Carissimo Direttore, desidero esprimerle la mia totale solidarietà per il suo editoriale su Gianfranco Fini, che esprime in maniera mirabile tutto ciò che io – e, sia certo, molti altri cittadini italiani – pensiamo di quest’uomo. Uomo nel quale avevamo riposto grande fiducia e che ci ha profondamente e irrimediabilmente deluso.
Carlo Baccini - Roma
2 2 2
Egregio Direttore, ora sarà il bersaglio dei catto-comunismi e avrà le colubrine caricate a tnt e acqua santa per demolire la sua figura. Gianfranco Fini è un voltagabbana, aveva già tradito Giorgio Almirante ed è vero. Figuriamoci se non sarà pronubo del Pd e Udc. Il suo articolo è di una precisione infallibile. Complimenti, vada avanti.
Luciano Cravero - Mondovì (Cn)
2 2 2
Egregio Direttore, ho letto con squisito piacere il suo articolo sul «compagno» Fini. Devo riconoscere in lei il «sentire» della stragrande maggioranza degli italiani del Pdl. Da tempo quest’uomo invece di attenersi scrupolosamente ai dettami relativi alla figura istituzionale che ricopre, anche per merito di Berlusconi, pontifica a destra e a manca, anzi soprattutto a manca, allo scopo di ingraziarsi i favori del Pd per salire al Quirinale!
Paolo Silvestrini - Urbino
2 2 2
Gentile Direttore, finalmente ha smascherato il Signor Fini! Ho sempre stimato il leader di An, ma ora non ne posso più! Lei ha interpretato non solo il mio pensiero ma, anche, quello di tantissimi italiani che non approvano le disgustose affermazioni del presidente della Camera. Il Signor Fini ha tradito gli ideali della sua parte politica e la fiducia del premier Berlusconi che l’ha sdoganato. Grazie al premier oggi si trova al posto che occupa. Bella riconoscenza! Non merita più consenso e stima.
Ada Landi - Pontecagnano (Sa)
2 2 2
Egregio Dottor Feltri, le esprimo il mio apprezzamento per l’editoriale su Fini. Era ora che qualcuno avesse il coraggio di cantargliela in faccia e, secondo me, c’era ancora molto altro da contestare. Lei è stato anche troppo morbido. Questo parere le viene espresso da un ex elettore di Alleanza Nazionale. Ex dal giorno in cui ebbe la geniale intuizione dell’Elefantino; da allora la mediocrità, la doppia faccia e gli agguati di stile bolscevico sono divenute le sue armi. Chissà quante volte l’Onorevole Almirante si sarà rivoltato dentro la tomba.
Ruggero Licciardello
2 2 2
Caro Feltri, in famiglia, e siamo parecchi, siamo tutti con te. Una domanda: Non è che diventare presidente della Camera fa male? (Fini, Casini...).
Antonio Teodori - Pescara
2 2 2
Caro Direttore, meno male che in Italia c’è uno come lei che gliele canta al Signor Fini, il quale passato il Rubicone crede che il popolo del Pdl sia sempre con lui. Purtroppo Berlusconi nella scelta delle alte cariche dello Stato commette errori, cioè non si accorge dal loro comportamento che le persone che sceglie, una volta sistemate, gli si rivolteranno contro. Credo, e mi dispiace, che le uscite del compagno Fini faranno perdere voti al Pdl, perlomeno il mio che andrà dritto alla Lega. Bravo Direttore, non si lasci intimidire e continui a scoprire le magagne di tanti «puristi».
Cesare Giordani
2 2 2
Dopo avere letto la sua lettera indirizzata a Gianfranco Fini mi sono detta: ecco tornato il direttore Feltri, colui che mi ha convinta a passare dal «Corriere» a «Libero» e che ora mi sta tentando con «il Giornale»! Condivido pienamente il contenuto della missiva anche se, onestamente, i dubbi sull’appartenenza di Fini in me sono sorti già da parecchio tempo. È da lungo tempo che Fini esprime ideali che hanno poco a che vedere con una cultura di centrodestra. Direttore, vada avanti con coraggio, continui a scrivere ciò che pensa, noi lettori continueremo a sostenerla ogni mattina in edicola!
Maria F. Romano
2 2 2
Caro Dottor Feltri, su Fini, ha fatto le «interpretazioni» giustissime. Bravo. Non demorda, continui così!
Rosy Rossi
2 2 2
Gentilissimo Direttore, sono un assiduo lettore de «il Giornale» e seguo con interesse i suoi editoriali politici e non. Intendo testimoniarle il mio apprezzamento e la mia solidarietà per tutto ciò che ha scritto su Fini. Continui a smascherare le intenzioni del presidente della Camera, che tradendo chi finora ha avuto fiducia in lui oggi mira a una carriera personale con l’appoggio di chiunque sia disposto a fornirglielo.
Lorenzo Calzolari - Ameglia (SP)
2 2 2
Bravo Direttore Feltri, il suo articolo sul «compagno» Fini è un capolavoro!
Giuseppe Franchi
2 2 2
Dopo aver letto il suo «fondo» su Fini non possiamo non congratularci con lei. È troppo buono a parlare di virate: qui c’è un salto mortale carpiato! Inutile dirle di continuare così, la conosciamo da tanto!
F.Cortes
2 2 2
Stimato Direttore, lei non può capire come quel signore che non oso neanche nominare mi abbia rovinato il fegato. Erano anni che non capitava una faccia di bronzo come quella di Fini, uno spergiuro che sarebbe da cacciare in quanto ha voltato le spalle a tutti i suoi collaboratori. E questo perché, illuso, aspira alla presidenza della Repubblica.
G.
2 2 2
Egregio Dottor Feltri, ho letto con molto interesse il suo articolo su Fini. Fini in poco tempo è riuscito a percorrere l’intero arco costituzionale. Si vede che fare il presidente della Camera dà alla testa (basta pensare al precedente di Casini). Mi spiace molto, ma Fini sta facendo la figura dell’utile imbecille e verrà eliminato dalla sinistra appena esaurito il suo ruolo.
Giovanni Adler
2 2 2
Caro Direttore, se è vero che solo lo stolto non cambia mai idea non posso esimermi dal ricordare quello che il presidente Fini disse «di destra» ai funerali dell’indimenticabile Almirante o che in seguito diceva come giovane segretario del Msi. Il mondo va avanti ed è giusto evolvere, modernizzarsi e contestualizzarsi e il popolo di destra lo ha fatto. Però ora ho finalmente capito perché, dopo decenni di voto missino prima e di An dopo, ho recentemente votato per la Lega! Il presidente Fini mi ha riconciliato con la mia coscienza tribolata per il «tradimento» da me perpetrato durante le ultime elezioni nazionali ed europee. Grazie Fini! Direttore avanti così.
Maurizio Mussano
2 2 2
Caro Feltri, sento il forte desiderio di esprimerle i miei complimenti e ringraziamenti per aver strappato la maschera al furbissimo Fini che, dopo aver fatto una lunga carriera con i voti dei vecchi nostalgici e dei giovani elettori di destra, ha pensato bene - per indegno tornaconto personale, al riparo dell’alleanza con Berlusconi - di vestirsi da intellettuale di sinistra. Se fosse stato onesto, dopo aver espresso opinioni sul fascismo contrastanti con le sue idee giovanili, avrebbe dovuto, per rispetto dei suoi elettori, dare le dimissioni e uscire dalla politica attiva.
Silvano Besso
2 2 2
Egregio Direttore, concordo perfettamente con l’analisi da lei fatta sul «compagno» Fini. La esorto a continuare su questa strada che certamente si presenta molto ardua, nella convinzione che la maggior parte del Pdl sia con lei.
Maria Angelica Villanova
2 2 2
Sono assolutamente d’accordo con il direttore Feltri nella questione-polemica con la terza carica dello stato Fini. Feltri ha perfettamente ragione, certe posizioni di comodo di Fini vanno solo criticate e anche con una certa forza!
Alberto Conti
2 2 2
Caro Direttore, era ora che qualcuno dicesse le cose come stanno. Fini è da tempo che si guarda in giro in cerca di consensi «sparando» affermazioni veramente poco credibili pronunciate dalla sua bocca! Ha fatto bene a dargli quel consiglio (non richiesto da lui, ma richiesto da tutti noi che l’abbiamo votato per anni): torni sui binari di destra che è più credibile. Direttore Feltri, avanti così!
Simona Aldoni
2 2 2
Egregio Direttore, l'editoriale su Fini ha colto nel segno ed è stata una goduria per la maggioranza degli elettori e simpatizzanti dell’ex An che si sentono traditi e sono esterrefatti per le ultime sparate del loro ex leader. Voglia ricevere la mia solidarietà e un invito a continuare su questa strada.
Franco
2 2 2
Caro Direttore, Berlusconi il «torero» guadagna consensi. Fini lo «sfasciacarrozze» guadagna dissensi.
Annamaria Cerrini - Torino
2 2 2
Caro Feltri, Fini è il nuovo Follini del centrodestra con l’aggravante che quest’ultimo non ha cambiato pelle. L’ex leader di An è diventato insopportabile, incoerente e antipatico. Pur di trovare consensi ha rinnegato i valori della destra che gli hanno permesso di fare il suo «bottino» politico personale. Piuttosto rivoglio Scalfaro al Quirinale, scusi se è poco.
Giulio Cavara - Verona
2 2 2
Caro direttore, la sua lettera a Gianfranco Fini era un pizzo di Cantù, fatta con una penna d’oca dalla punta finissima! Con tanta stima la saluto e ringrazio.
Ivan Lukezic
2 2 2
Direttore, è stato superbo nella sua lettera a Fini. Condivido ogni cosa che ha detto. È da parecchio che non si capisce più cosa vuol dimostrare e dove vuole arrivare.
Patrizia Bellini
2 2 2
Caro Direttore, continuo a scriverle perché sono fermamente convinto che l’Italia sia fatta per la maggior parte di gente «perbene». Quelli come Fini cercano di trarre vantaggi dal fatto di ricoprire delle cariche istituzionali importanti. Ma la gente sa che, se sono stati o sono presidenti della Camera dei Deputati, lo devono a Berlusconi e a nessun altro.
Flavio
e-mail
2 2 2
Gentilissimo Direttore, tutta la mia stima per il modo in cui ha impostato la linea del quotidiano che dirige. Non è giusto che contro il nostro premier sia in atto un tiro al bersaglio. E poi quel Fini non tiene in minimo conto che se occupa quel ruolo istituzionale lo deve esclusivamente a Silvio! Nell’auspicare che le sue battaglie giornalistiche riportino un po’ di equilibrio nell’informazione, non mi resta che augurarle buon lavoro.
Giuseppe Pugliesi
e-mail
2 2 2
Egregio Direttore, condivido in pieno quanto scritto da lei su Gianfranco Fini. Non comprendo infatti la «mutazione genetica» del nostro «eroe», per il quale ho votato tantissime volte. Bravo Feltri! Era ora che un giornalista del suo livello si decidesse a parlare fuori dai denti!
Guglielmo Donnini
Roma
2 2 2
L’Onorevole Fini ha superato il «punto di non ritorno» e si è condannato a ricoprire il ruolo di chi è sostenuto dalla sinistra. Ma solo in funzione anti Cav, quindi destinato a essere scaricato appena fosse raggiunto - eventualmente - l’obiettivo. Niente di nuovo. Storicamente la casella del cosiddetto utile idiota è sempre stata occupata dall’ambizioso di turno.
Nikos Tullio di Giorgio
Sedriano (Mi)