In fuga dal caldo della Val Padana tra ghiacciai, sci e arrampicate

Mentre milioni di italiani si tuffano nel traffico di autostrade, stazioni e anse di mare affollate, la parola d’ordine per chi resta in città è refrigerio dal caos e dall’afa che lambisce l’asfalto. Nulla di meglio, allora, che salire verso l’alto a ogni weekend libero, per scoprire angoli di frescura e natura o perfino per sciare in agosto. Il luogo prediletto per questa pratica è il Passo dello Stelvio, sede dell’ormai celebre Università dello Sci con i corsi di Pirovano, pirovano.it, per migliorare tecnica e stile e per arrivare alla stagione invernale in perfetta forma. Oltre 20 chilometri di piste a 3000 metri di quota, adatte a sci, snowboard e a ogni livello di difficoltà. Panorami mozzafiato, ottima cucina, zone benessere e offerte speciali per i fine settimana (a partire da 235 euro), invitano a partire anche chi non vuole faticare con le discese.
Altra meta prediletta per lo sci estivo è la vicina Cervinia: un Gravity Park di Plateau Rosà dove la neve non si trasforma mai in acqua e 23 chilometri di piste tra Italia e Svizzera a circa 4000 metri di quota. Con i piloti di Fans de Sport, fansdesport.it, i più coraggiosi possono avvicinarsi al parapendio: discese dal ghiacciaio (3479 m), voli in quota con partenza da Plan Maison (2555 m) e voli serali dal Monte Tantané (2500 m). Più in basso ci si può dedicare al rafting, ai numerosi percorsi di mountain fitness, mountainfitness.org, alla mountain bike, alla pesca o all’equitazione. In Valle d’Aosta è anche in programma la manifestazione Alpages Ouverts 2009, a cura dell’Associazione Regionale Allevatori Valdostani, avert.it; 0165. 34510. Suoni, profumi e sapori alla scoperta della fontina e non solo tra vette e alpeggi indimenticabili. L’8 agosto all’Alpage La Pierre di Aymaville, il 12 a Torgnon, poi Cogne, Gressoney e Champdepraz.
A chi non vuole superare i confini della Lombardia, consigliamo di prendere la funicolare per i Piani d’Erna, pianierna.com, balcone affacciato sul lago di Lecco col suo parco avventura aperto tutto l’anno, oppure di salire da Como per ammirare la vista che offre Brunate, funicolarecomo.it, e da lì, a piedi, raggiungere alcuni dei punti più interessanti della zona, come la Fonte del Pissarottino, di Cao o del Monte Piatto (con la zona archeologica della Pietra Pendula).
Infine tre percorsi da misurare con gli scarponi ai piedi: andate a Riale, in Alta Val Formazza, dove è appena stato inaugurato il sentiero transfrontaliero Alpeggi senza confini, che mette in collegamento la selvaggia Alpe Veglia con il Caseificio del Gottardo, itinerario in quota tra laghi, pascoli e passi alpini, 0324.72572. Da non perdere la Svizzera Ticinese, per scoprire il magico bosco di faggi e folletti che ricopre il Monte Generoso, raggiungibile anche con un pittoresco trenino a cremagliera, montegeneroso.ch, e animato da molte iniziative per la bella stagione, o la Valle Verzasca, a nord di Locarno, che offre il lago di Vogorno e la sua diga imponente, i vigneti di Gondola, le foreste di castagni e molti trekking per tutte le gambe, ticino.ch.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti