Gay aggrediti, chiesto fermo per l'accoltellatore

La procura di Roma ha chiesto al gip l'arresto del pregiudicato 40enne responsabile dell'aggressione alla coppia di ragazzi gay nella notte tra venerdì e sabato nel Parco Rosati, all'Eur. Soddisfazione di Alemanno e delle associazioni

Gay aggrediti, chiesto fermo per l'accoltellatore

Roma - Chiesto l'arresto per l'accoltellatore dei due omossessuali. La procura della Repubblica di Roma inoltrerà oggi stesso la richiesta di fermo per il pregiudicato di 40 anni, accusato di aver accoltellato e ferito due giovani gay tre giorni fa all’Eur. L’atto sarà firmato dal procuratore della Repubblica Giovanni Ferrara e dal pm Pietro Pollidori, e sarà al vaglio del gip che dovrà valutare nelle prossime ore se emettere la misura cautelare in carcere. Gli atti di indagine della polizia sono giunti a piazzale Clodio da qualche ora e sono stati esaminati già questa mattina dal magistrato. Il pregiudicato romano era stato denunciato dalla polizia con l’accusa di tentato omicidio dopo aver accoltellato uno dei due giovani e ferito, rompendogli una bottiglia sulla testa, il suo compagno.

Peggiora il ragazzo "Ho visto il ragazzo fino a pochi minuti fa e le sue condizioni rispetto a ieri sono sicuramente peggiorate. C’è stato un grosso peggioramento, alterna periodi di lucidità ad altri di incoscienza. I medici non hanno ancora sciolto la prognosi e si pronunceranno tra 48 ore". Lo ha riferito l’avvocato del ragazzo aggredito, al Gay Village, Daniele Stoppello. L’avvocato dell’Arcigay che sta seguendo il caso si è recato questa mattina in visita alla vittima ricoverata all’ospedale Sant’Eugenio e ha spiegato: "In attesa dei provvedimenti annunciati dalla procura nei confronti del presunto aggressore faremo un’istanza apposita per sollecitare l’applicazione della misura cautelare e anche per l’individuazione delle altre persone che probabilmente ne hanno favorito la fuga". Stoppello ha anche riferito le reazioni dei genitori del ragazzo "sconcertati per la decisione di lasciare libero il presunto aggressore di fronte a un evento così grave".

Soddisfazione del Campidoglio "Non posso che esprimere soddisfazione per la notizia della richiesta di misura cautelare da parte della procura della Repubblica di Roma nei confronti del criminale accusato di aver aggredito i due ragazzi gay". Lo afferma, in una nota, il sindaco di Roma Gianni Alemanno. "Si tratterebbe, qualora il gip accogliesse la richiesta - conclude - di un passo importante per restituire fiducia alla cittadinanza in merito a una vicenda inaccettabile". Soddisfazione anche da parte dell'Arcigay. "Siamo soddisfatti per l’impegno delle forze dell’ordine che stanno garantendo continuamente la sicurezza del ragazzo e per la decisione della procura di Roma di chiedere la carcerazione per l’aggressore". Lo dichiara Fabrizio Marrazzo, presidente di Arcigay Roma, in merito all’aggressione della coppia gay nel Parco Rosati, all’Eur, la notte tra venerdì e sabato.

Commenti