Gay ancora nel mirino: altra aggressione notturna in un bar

Gay ancora nel mirino: altra aggressione notturna in un bar

«A Roma comandiamo noi, napoletani di m..., c’hai pure le sopracciglia da fr...», insulto cui sono seguite le botte. L’aggressione è avvenuta all’alba di sabato scorso. A raccontare i fatti è G. B. studente di 25 anni. «Eravamo seduti al bar all’angolo tra via Giano Della Bella e via della Lega Lombarda, erano circa le 4 di mattina e mi trovavo con 3 amici e 4 amiche - racconta lo studente -. Stavamo parlando di calcio e io, tifoso del Napoli scherzando parlavo male della Roma. Dal tavolo vicino 7-8 ragazzi si sono rivolti minacciosi verso di noi, hanno rivolto contro di noi frasi ingiuriose e hanno cominciato a picchiarci». Il giovane, preso di mira perché ha le sopracciglia curate, ha poi raccontato di essere caduto a terra dopo aver ricevuto un pugno a un orecchio seguito da calci in faccia mentre i suoi amici venivano colpiti con le sedie e i tavolini del bar. «Subito dopo sono scappati - continua G. B. - abbiamo cercato di prendere i numeri delle targhe ma erano già state coperte. A quel punto abbiamo chiamato la polizia alla quale abbiamo consegnato un portafoglio perduto presumibilmente da uno degli aggressori. Quando il poliziotto ha letto il nome sulla carta di identità ha commentato: “sempre lo stesso”». Gli 8 aggrediti si sono poi recati al Policlinico Umberto I per farsi medicare. «Io sto ancora male - prosegue il giovane - ho il volto tumefatto e non riesco ancora ad aprire bene l’occhio. Non ho ancora sporto denuncia. Oggi parlerò con il mio legale e agirò di conseguenza». La notizia, riportata dal giornale on-line Dazebao, viene confermata dai carabinieri, i quali spiegano di essere intervenuti, nella notte tra venerdì e sabato, proprio in quella zona, in seguito ad una zuffa tra due gruppi. A oggi, gli aggrediti non hanno ancora sporto denuncia. L’aggressore che ha perso il portafogli, è personaggio noto nella zona. Le prognosi riscontrate agli otto aggrediti sono tutte inferiori ai sette giorni. Intanto ieri la giunta comunale ha approvato l’istituzione della zona a traffico limitato notturna in via San Giovanni in Laterano, nel tratto compreso tra via Ostilia e piazza del Colosseo, l’area dove nei giorni scorsi erano stati lanciati dei petardi contro un locale considerato ritrovo di molti gay romani. Il provvedimento prevede l’accesso alla ztl, dalle 21 alle 3, dal lunedì alla domenica, con unico varco di ingresso in via Ostilia.