Incendio distrugge supermercato di Castelletto

Distrutto dalle fiamme, con montagne di generi alimentari andati in fumo: è successo l'altra notte in piazza Goffredo Villa, a Castelletto, dove è bruciato il supermercato «Carrefour» all'angolo con corso Paganini. In piena notte l'allarme è stato dato da alcuni residenti che dalle finestre avevano visto il fuoco che aveva già distrutto alcune automobili parcheggiate davanti al supermercato. Così sul posto sono arrivate quattro volanti della polizia e i vigili del fuoco che hanno lavorato molte ore. Gli agenti hanno messo in sicurezza la zona intorno al rogo, ma hanno dovuto procedere a far sgomberare tutti gli appartamenti del palazzo. Nessuno dei condòmini è rimasto ferito, ma un uomo di 73 anni, affetto da gravi patologie, che è stato accompagnato in via precauzionale al Galliera. L'incendio è di probabile origine dolosa: la polizia ha trovato in un cassonetto una tanica di benzina e un paio di guanti anneriti. Secondo il professor Emilio Biagini che abita nel palazzo gli autori dell'attentato potrebbero essere alcuni albanesi sorpresi a rubare all'interno del supermercato, riconosciuti dalle telecamere e denunciati.
E a spulciare la cronaca sembra che ci sia una cattiva sorte a pesare sul supermercato: lo stesso centro commerciale quando era ancora «Dì x Dì» tre anni fa era stato interessato da un altro grave incidente: il 27 luglio del 2010 infatti metà del controsoffitto era crollato, con all'interno quattro dipendenti, tre clienti e una bambina di un anno. Due clienti e la bambina erano rimasti feriti lievemente. Prima della riapertura furono necessari lunghi lavori di messa in sicurezza.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento