L'ALLARMESenza bidelli scuole sporche e poco sicure

Mancano i bidelli. Salta così la sicurezza, la pulizia e la sorveglianza nelle scuole genovesi. Questa solo una parte dell'enorme problema delle scuole sotto la Lanterna. La mancanza di personale vuole dire poca pulizia nelle classi. Ma anche poca sorveglianza. La preoccupazione è che all'interno delle scuole possa entrare chiunque e che i bambini possano uscire non essendo visti. D'altra parte non si può pretendere che due persone, nel tempo di servizio come da contratto, possano pulire, accudire, rispondere al telefono, fare sorveglianza, soccorrere ben quattro piani di una scuola. Per non parlare dei bidelli delle scuole materne che devono anche accompagnare i bambini al bagno e, nel caso, pulirli.
Il taglio alle scuole genovesi non lo stanno sentendo pesantemente solamente il corpo docenti ma anche le «regine delle scale», le seconde mamme che accolgono i bambini all'entrata delle scuole, quelle che portano le circolari in giro, fanno le fotocopie.
Insomma, il personale oramai diventato anch'esso tutto fare delle scuole primarie, ha subìto un grave taglio e non ce la fa a sopportare tutto l'onere di lavoro. Si calcoli che è anche una categoria in cui sono tantissimi i disabili che vengono inseriti e quindi a volte non possono essere lasciati soli. C'è bisogno di più personale: è il grido d'aiuto che arriva da tutte le scuole della Superba.

Commenti