Le scritte che Genova non cancella

Le scritte che Genova non cancella

Le scritte sono sempre lì. A Genova c'è chi inneggia apertamente all'uccisione dei carabinieri, all'uso delle pistole contro la classe politica, alla rivoluzione armata e nessuno si degna di far sparire dai muri almeno l'oltraggio. I messaggi comparsi in corso Montegrappa, in particolare all'altezza di Mura dello Zerbino, sono stati vergati nella notte tra il 30 aprile e il primo maggio. (...)

Commenti