Giamaica, caccia a narcotrafficante: 31 vittime

È di 31 civili morti il bilancio dei disordini a Kingston, dove la polizia ha scatenato la caccia all’uomo per l’arresto del narcotrafficante di droga Cristopher "Dudus" Coke, che deve essere estradato dalla Giamaica negli Stati Uniti

Giamaica, caccia a narcotrafficante: 31 vittime

Kingston - È di 31 civili morti il bilancio dei disordini a Kingston, dove la polizia ha scatenato la caccia all’uomo per l’arresto del narcotrafficante di droga Cristopher "Dudus" Coke, che deve essere estradato dalla Giamaica negli Stati Uniti. Gli uomini armati fedeli a Dudus hanno scatenato da ieri una guerriglia contro le forze di sicurezza che nella notte hanno assaltato la roccaforte del ’padrinò di Kingston, alla periferia della capitale. Di Dudus, per ora, nessuna traccia. Il Dipartimento di Stato Usa ha invitato i cittadini americani a evitare viaggi in Giamaica e ha riferito che l’aeroporto internazionale viene chiuso "a intermittenza" durante le sparatorie tra la polizia e i fedelissimi di Dudus.

Caccia al boss Da sabato scorso la polizia sta dando la caccia al boss del narcotraffico, Christopher Dudus Coke, per estradarlo negli Stati Uniti. Gli uomini armati fedeli a Dudus hanno scatenato una guerriglia contro le forze di sicurezza che nella notte hanno assaltato la roccaforte del ’padrinò di Kingston, alla periferia della capitale. Almeno tre persone sono morte nel blitz, in cui la polizia, con il sostegno dell’esercito, ha arrestato diversi guerriglieri del potente clan della droga. Ma di Dudus, per ora, nessuna traccia. Intanto, il Dipartimento di Stato Usa ha invitato i cittadini americani a evitare viaggi in Giamaica e ha riferito che l’aeroporto internazionale viene chiuso "a intermittenza" durante le sparatorie tra la polizia e i fedelissimi di Dudus. 

Commenti