Gol ed emozioni sotto la pioggia ma la difesa di Ranieri fa acqua

Palermo Tre a tre, sotto una pioggia torrenziale. Una autentica battaglia tra Palermo e Roma. Il punteggio premia la Roma che continua a mostrare sensibili miglioramenti e non mortifica il Palermo, autore di una gara tutto cuore e grinta. Decide il 3-3 Totti al 43’ della ripresa su rigore concesso da Rocchi, forse generosamente, per una uscita del portiere Rubinho avventata. Due volte in vantaggio la Roma, per due volte il Palermo ristabilisce le distanze. Eppure la gara sembrava avviata verso una chiara affermazione dei giallorossi di Ranieri. Dopo venti minuti erano in vantaggio: un tocco delizioso di Totti smarcava Brighi, quasi un rigore e l’interno batteva un incolpevole Rubinho. Al 40’ raggiungeva il pareggio il Palermo con Budan che raccoglieva un tiro di Miccoli. Nello spazio degli ultimi due minuti il punteggio cambiava ancora due volte: la Roma tornava in vantaggio su una zuccata di Burdisso che raccoglieva un angolo, un minuto dopo la magia di Miccoli che quasi dal fondo infilzava Julio Sergio. Nella ripresa il Palermo sogna dopo una strepitosa rete di Nocerino al 12’. Poi a tre minuti dalla fine il rigore di Totti metteva in equilibrio il risultato.