Hamilton "sventola" bandiera rossa e Vettel s'arrabbia

L'inglese in pole a Singapore anche grazie all'incidente di Barrichello e alla conseguente chiusura delle qualifiche con 26'' d'anticipo. Il tedesco non gradisce ma non molla la lotta per il titolo: «Posso ancora vincere il titolo»

Hamilton "sventola" bandiera rossa e Vettel s'arrabbia

«Ero molto rilassato, la macchina nel week-end è andata migliorando giro dopo giro. Il mio migliore è stato rilassato, sono certo di poter partire bene. La bandiera rossa? sarei forse riuscito a rimanere davanti agli altri o forse no».
Il pilota della McLaren, Lewis Hamilton, è felice per la pole conquistata nel Gp di Singapore e assicura che bandiera rossa o no sarebbe probabilmente riuscito a restare davanti a tutti.
Il pilota della Red Bull, Sebastian Vettel, non nasconde invece il suo rammarico per lo stop a soli 26'' dalla fine delle qualifiche per l'incidente capitato alla Brawn Gp di Rubens Barrichello: «Il primo giro è andato bene - racconta il pilota tedesco nel corso della conferenza stampa Fia dopo le prove - sul secondo c'è stata la bandiera rossa, è comunque ottimo tornare in prima fila. La macchina è andata bene, ma è stato un peccato per la bandiera rossa. Mi piace comunque il circuito e mi diverte: mi piace la superficie irregolare e aspetto la gara di domani».
Un tedeschino in fibrillazione, anche perché è terzo nel mondiale con 54 punti e i due litiganti della Brawn Gp, Rubens Barrichello (secondo in classifica con 66 punti) e Jenson Button (primo a quota 80), scatteranno domani rispettivamente decimo e dodicesimo. Per cui ha la grande occasione per iniziare a mantenere la promessa fatta l'altro giorno, quando ha detto: «Al mondiale credo ancora, dovrò solo vincere tutte le prossime corse...».