Heinze una muraglia Crespo non illumina Tevez vuole strafare

6 ABBONDANZIERI. Al primo intervento fa venire il brividino. Quando viene il bello si fa male.
Dal 26’ st LEO FRANCO 6. Se la cava.
5 COLOCCINI. Sembra giochi per caso e forse non è un caso.
7 AYALA. Mister testina d’oro: straordinario in occasione del gol ma anche nell’attenzione difensiva. Si mangia tutto ai rigori.
7 HEINZE. Non è uno stangone come i tedeschi, ma comunque una muraglia.
5 SORIN. Capace solo d’attaccare, finisce per rimediare la figuraccia sul gol di Klose.
6,5 LUCHO GONZALEZ. Poca apparenza, però molta sostanza. Va a tamponare dove serve. Si mangia un gol.
6 MASCHERANO. Gli piace un po’ troppo il gioco sulla mattonella. Raggio corto ma difensivamente utile.
5 RIQUELME. Un po’ nervoso. Tocca mille palloni, ma il piedino non ha il radar giusto: sbaglia passaggi in quantità industriale. Il cross per il gol è invece una pennellata.
Dal 27’ st CAMBIASSO 5. Frena Ballack. Molle nel tiro di rigore.
6,5 MAXI RODRIGUEZ. Non si schioda quasi mai dalla fascia destra, anche se servirebbe a sinistra. Guizza ma non colpisce al tiro.
5 CRESPO. Lavoro oscuro, ma in attacco serve il guizzo che oscura.
Dal 34’ st CRUZ 5,5. Un po’ disadattato.
5 TEVEZ. Un po’ scimmiesco palla al piede. Vuol strafare e, alla lunga, non fa. Primo tiro nei supplementari.
Allenatore PEKERMAN 5. Tanti talenti in attacco, mal sfruttati.

Arbitro MICHEL 5. Non sempre centrato nelle ammonizioni.

Commenti