Henry assolto dalla Fifa Può ringraziare la mano di Blatter

Cittadino Thierry Henry: assolto. La Fifa ha deciso, il fallo di mano con il quale il francese si era aiutato passando il pallone a Gallas e permettendo alla Francia di battere la Repubblica d’Irlanda e di qualificarsi per il campionato del mondo in Sudafrica, non è punibile con squalifica, ammenda, multa, nota sul diario. La non notizia è una notizia, nel senso che chi poteva credere e aspettarsi il contrario? Chi poteva sognare di assistere a un colpo d’ala della commissione disciplinare del massimo governo calcistico internazionale? Dalla mano de Dios di Maradona alla mano di Sepp, in quanto Blatter, il capo supremo della Fifa. L’importante è muoversi, riunire le commissioni, assegnando ruoli e incarichi a membri che arrivano da ogni parte del mondo così da poter poi ricevere i voti giusti, cioè necessari, per l’elezione e la rielezione.
Non esiste grave infrazione nel caso del francese del Barcellona, l’articolo 77 al punto a) del codice di disciplina della Fifa non prevede per quel tipo di azione irregolare alcuna pena supplementare a quella decisa dall’arbitro sul terreno di gioco. Se poi l’arbitro medesimo, Martin Hansson, non aveva visto il reato, convalidando il gol francese, allora si può capire che i giudici chiamati al verdetto si erano già portati avanti con il lavoro. Del resto esisteva un precedente illustre in materia di “giusta giustizia” Fifa: la squalifica di tre turni a Zidane per la testata criminale a Materazzi e la sospensione di due turni allo stesso Materazzi, senza che nel referto arbitrale fosse risultato nulla delle parole e dei pensieri dell’azzurro. Ma a Blatter, quattro anni fa, interessava tenere il piede nelle due scarpe, quella italiana e quella francese per poter camminare per il resto del mondo pallonaro, a testa alta. Thierry Henry se l’è cavata, giocherà il mondiale, potrà sempre riprovarci anche perché da ieri sa che l’articolo 77 al punto a) lo salva da qualunque conseguenza penale, civile, disciplinare. Il calcio è salvo, Sepp Blatter anche. Gli irlandesi di Dublino, cornuti e mazziati? Stiano calmi e con le mani a posto. Loro.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.