HostMilano, boom di espositori da Stati Uniti e Germania

Aziende italiane e straniere in aumento per l'edizione 2017 del salone dell'ospitalità professionale che occuperà l'intero polo espositivo di Fiera Milano. Quasi 1.300 quelle che hanno già prenotato, il 42% estere. Top buyer internazionali per rafforzare la leadership del made in Italy nel "food equipment"

HostMilano, boom di espositori da Stati Uniti e Germania

Lancio ufficiale, a undici mesi esatti dall'inaugurazione, per HostMilano con il il kick-off dell'edizione numero 40 che si terrà in fieramilano da venerdì 20 a martedì 24 ottobre 2017 nel polo espositivo di Fiera Milano. Appuntamento importante per la biennale leader mondiale delle attrezzature e tecnologie per la ristorazione professionale, gelaterie pasticceri, panetterie, hotellerie e concept per il fuori casa (dalle hall degli alberghi ai centri commerciali alle stazioni e aeroporti) che ha già quasi 1.300 aziende confermate, di cui il 42% estere provenienti da 47 Paesi.

Occasione anche per annunciare investimenti per far crescere ancora di più l'internazionalità di Host. Se infatti sono oltre 500 gli espositori esteri che saranno presenti, nei prossimi mesi ci saranno da esaudire le richieste per le ultime disponibilità di spazi, con attenzione - e iniziative - rivolte in particolare a Usa, Canada, Medio Oriente, per le quali sono previste attività per attrarre i visitatori professionali anche attraverso accordi con associazioni di categoria. Saranno poi altre 1.500 gli hosted buyer selezionati in collaborazione con Ita - Italian Trade Agency, che includeranno molti nomi nuovi e un mix di tipologie sempre più completo. Una campagna da oltre 2 milioni di euro è dedicata ai media, a partire dalle più importanti testate internazionali, e che porterà a Host 2017 più di 1.000 giornalisti internazionali, tra i quali 100 corrispondenti che visiteranno anche Milano e l’Italia.

Paesi che espongono in crescita, con quattro new entry: Serbia e Liechtenstein dall’Europa, Egitto e Sudafrica dall'Africa, continente che secondo stime Onu registrerà un aumento del pil a tassi superiori al 5% annuo, con un forte aumento di fabbisogno di energia (il 38% in più) a conferma della crescita delle attività industriali e dei consumi.
In testa alle presenze consolidate, in testa c'è la Germania con il 40% di aziende in più, 80 rispetto alle 57 del 2014). Seguono Spagna, Francia, Usa, Regno Unito, Grecia, Svizzera, Paesi Bassi, Portogallo, Austria e Svezia a cui si aggiungono la Turchia con un doppio stand e la Cina. Ma a crescere di più sono gli Stati Uniti, dell'83 per cento, con 43 aziende contro le 24 del 2014) e 8 di queste debuttano a Fiera Milano. Importante in questo senso è stato anche l’accordo con il Commercial Service dello US Department of Commerce e la relativa certificazione ufficiale della fiera. Per gli espositori statunitensi HostMilano è infatti una fondamentale porta d’accesso ai mercati Emea e un appuntamento unico per dialogare con il made in Italy nella città che più lo rappresenta e scoprire anteprime e trend.

Anche nel caso del mercato Nordamericano, sono stati stretti accordi con autorevoli associazioni di settore per aumentare i visitatori di alto profilo. Negli Usa Feda - Foodservice Equipment Distributors Association, che riunisce 255 distributori che generano il 75% delle vendite di macchine e forniture Ho.Re.Ca, e Newh - The Hospitality Industry Network, 5.600 tra interior designer, studi di architettura e produttori contract. In Canada Restaurants Canada, la più importante associazione del fuori casa con oltre 30 mila membri e Ocsa - Ontario Convenience Stores Association, che rappresenta più di 7.500 negozi di prossimità.

Host 2017 dedicherà aprticolare attenzione a pasticceri e gelatieri, le nuove stelle del food con gli chef. Motivo? L'ibridazione tra diversi format di punti di consumo, fenomeno in atto da tempo, presenta due novità. La prima: il consumatore è sempre più mobile ma esigente e cresce la pervasività del food & beverage di qualità fuori dagli schemi tradizionali: nel retail e fino agli ex "non luoghi", come aeroporti e stazioni che si stanno trasformando in plazas che mixano shopping e convivialità in ambienti di design.
La seconda: la maggior professionalizzazione degli attori della filiera, che diventano esperti selettori di materie prime di qualità, mixologi di tradizioni culinarie diverse e “archeologi” dei sapori storici dei territori. Un’autorevolezza che il consumatore riconosce già agli chef e che oggi attribuisce sempre più anche a maestri pasticceri e gelatieri, tre figure che tendono a sovrapporsi e a volte fondersi.

Categorie alle quali sarà dedicato anche l'innovativo programma di formazione Obiettivo Apprendistato: con questo programma HostMilano, insieme con Apci - Associazione Professionale Cuochi Italiani, si propone di facilitare agli aspiranti chef e maestri di domani, ragazze e ragazzi che frequentano gli istituti alberghieri, un ingresso più qualificato nel mondo del lavoro attraverso un percorso professionalizzante che coinvolgerà 100 istituti per almeno 1.000 diplomandi, selezionando giovani di talento per assegnare stage nelle cucine più prestigiose.

I visitatori professionali, che nel 2015 sono stati 150.968 da 172 Paesi, non troveranno solo business ma tantissimi momenti di formazione ed eventi di alto profilo. Tra questi le finali dei campionati mondiali Cake Designers World Championship e World Trophy of Pastry, Ice Cream and Chocolate in collaborazione con Fipgc - Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria. Nella ristorazione, Chic - Charming Italian Chef dedicata alla sostenibilità nella ristorazione e della sua filiera. Torna anche Identità Future, in collaborazione con Identità Golose e a dare spettacolo ci sarà anche il Campionato Europeo della Pizza, organizzato da Pizza e Pasta Italiana. Nel Sic - Caffè e Bar, di scena grandi eventi e performance delle più importanti associazioni di settore, Wce, Scae, Altoga e Fipe, mentre i migliori bartender si esibiranno negli eventi preparati da Mixer. Spazio anche ai trend con Futurbar Green, ideato da Comufficio, e Breakfeast - Non solo prima colazione, a cura di Massimo Mussapi.

Sul fronte dei concorsi tornano quelli organizzati con Poli.design - Consorzio del Politecnico di Milano: SmartLabel, riconoscimento assegnato ai prodotti che si segnalano per la carica innovativa nell’ambito dell’ospitalità professionale e HostThinking, a design award giunto alla terza edizione dal titolo 10 Designer per 100 Prodotti, con i giovani progettisti e designer selezionati che svilupperanno live i propri durante la fiera. Nella progettazione entreranno 10 prodotti scelti tra quelli più innovativi presentati negli stand.

A HostMilano 2017 gli operatori italiani e stranieri troveranno così una piattaforma in grado di valorizzare appieno queste opportunità, grazie al concetto espositivo che unisce la specializzazione verticale delle aree dedicate con le affinità di filiera nelle tre macroaree: Ristorazione Professionale - Pane-Pizza-Pasta; Sic con Caffè - Tea e Bar, Macchine Caffè e Vending, e Gelato-Pasticceria; Arredo e Tavola; completate da un nutrito palinsesto di appuntamenti in cui esperti e top player condivideranno case history e know-how. L’offerta completa di un settore che è continua a crescere e fa dell'innovazione il suo punto di forza. In Italia, per il 2016 TradeLab stima per i consumi fuori casa un +2% per un valore di 77 miliardi di euro, dopo Regno Unito e Spagna il terzo mercato in Europa che vale nel complesso 504 miliardi. Negli Stati Uniti il fuori casa vale 698,3 miliardi di euro, più di un terzo dell'intero Pil italiano (fonte: National Restaurant Association) a cui si aggiunge il Canada con 54,6 miliardi di euro e in crescita da 25 anni consecutivi (fonte: Restaurants Canada). Facile comprendere quali siano le potenzialità di crescita per il food equipment made in Italy, già leader con un valore della produzione stimato da Anima-Assofoodtech per il 2016 in oltre 5.266 milioni di euro, dei più di 3.515 dall’export.

Tutte le informazioni su www.host.fieramilano.it, @HostMilano, #Host2017.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento