I liceali fanno bottega alla Fabbrica del Vapore

Esposti da domani in via Procaccini lavori scientifici e opere artistiche realizzati dagli studenti delle superiori milanesi

Roberto Zadik

Sui libri di scuola si imparano tante cose, molte delle quali possono stimolare la creatività. Proprio su questa interazione tra sapere didattico ed estro si basa la mostra «La Bottega dei Licei, edizione 2005» che prenderà il via domani alla «Fabbrica del Vapore» di via Procaccini 4. L’esposizione, organizzata dall’associazione culturale «Il Velocifero» si concluderà l’11 del mese (orari dal lunedì al venerdì,14,30-18,30) e permetterà al pubblico di conoscere i lavori di giovani talenti appartenenti ad alcuni tra i principali licei milanesi.
Una lunga serie di lavori realizzati da studenti in grado di abbinare all’impegno scolastico la passione per l’arte. Tra le scuole presenti: i classici Carducci e Beccaria e gli scientifici Russel e Leonardo Da Vinci i cui ragazzi hanno realizzato, con la collaborazione degli insegnanti, opere di ogni genere. Alcuni esempi? Elaborati multimediali come «Chopin e Leopardi», ideato dagli studenti dello scientifico «Maria Immacolata», la monografia sull’imperatore macedone «Alessandro Magno» curata dagli studenti del classico «Leone XIII» o il filmato «Proust» dedicato al celebre scrittore francese della «Recherche» dall’artistico «Caravaggio».
Tra le forme d’arte non poteva mancare la musica. Durante la mostra si potranno ascoltare le registrazioni di brani classici e moderni eseguiti dagli studenti delle varie scuole. Come nel caso del Berchet che spazierà dal rock energico del gruppo dei «Kentish», per arrivare al tango dell’argentino Astor Piazzolla e a maestri della musica classica come Camille Saint Saëns, autore del «Carnival des animaux», e Alexander Skriabin. Tutto questo farà da «colonna sonora» a una rassegna ricca di sorprese.

Commenti