Immigrati, Napolitano: "Anche noi emigranti"

"Oggi che accogliamo immigrati nel nostro paese e siamo diventati un paese di immigrazione non dovremmo mai dimenticare che siamo stati un paese di emigrazione", lo ha ricordato il presidente della Repubblica nel corso dell'inaugurazione del Vittoriano

Roma - Un passato da emigranti. Gli italiani partirono con un "flusso straordinario" verso altri paesi, andarono lì "in condizioni durissime che non dovremmo mai dimenticare". "Oggi che accogliamo immigrati nel nostro paese e siamo diventati un paese di immigrazione non dovremmo mai dimenticare che siamo stati un paese di emigrazione". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al termine dell’inaugurazione, al Vittoriano, accompagnato dal presidente della Camera Gianfranco Fini, del nuovo Museo dell’emigrazione italiana.

"Emigrazione capitolo essenziale della nostra storia" Il capo dello Stato ha ricordato che quello dell’emigrazione "è stato un capitolo essenziale della storia dell’Italia e nel momento in cui ci apprestiamo a celebrare il 150.mo anno dell’Unità non possiamo dimenticare il fatto che nell’Italia, seppure unita, tanti italiani non poterono trovare lavoro e modo di vivere e furono costretti a partire". Napolitano ha ricordato il fenomeno dell’emigrazione degli italiani in altri paesi. "Abbiamo seminato tracce della presenza italiana in tutto il mondo - ha detto il presidente - e quello che è oggi il patrimonio di simpatia e di amicizia per l’Italia in tutti i paesi che ho visitato ha anche questo segno, il segno di quello che hanno fatto i nostri connazionali quando sono andati là". L’Italia di oggi, dunque, nell’accogliere immigrati e nell’affrontare i problemi connessi all’immigrazione non deve dimenticare - secondo Napolitano - di essere stata un paese di emigrazione.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.