Inter, Conte: "La Juventus e il Napoli sono davanti"

Antonio Conte in conferenza stampa smorza gli entusiasmi sulla buona partenza dell'Inter, sottolineando come Juventus e Napoli siano ancora davanti

L'Inter ha avuto un ottimo avvio di stagione ma il suo nuovo allenatore Antonio Conte non si monta certamente la testa e frena sul nascere gli eccessivi entusiasmi. Durante la conferenza stampa in vista dell'impegno con la Sampdoria, il tecnico nerazzurro ha sottolineato che la Juventus e il Napoli sono ancora superiori alla sua squadra ma che questo non deve cambiare l'atteggiamento con cui si scende in campo.

Conte si è detto contento di quello che la squadra sta facendo ma che è importante continuare a migliorare per dare continuità ai risultati. Per essere davvero protagonisti, evidenzia il tecnico, è fondamentale evitare gli alti e i bassi. Una squadra per essere davvero grande deve essere in grado di mantenere sempre un rendimento importante. L'Inter è quindi chiamato a percorrere un percorso molto lungo che è solo all'inizio.

Conte spiega che la squadra deve attaccare con tutti gli 11 elementi in campo, "portiere compreso", per sfruttare tutti gli spazi. Inoltre, la qualità del Campionato si è alzata visto che anche la Lazio è una realtà importante. Inoltre, anche il Milan è una squadra solida nonostante il momento poco brillante che sta attraversando.

Secondo l'allenatore, l'Inter è chiamato a tirare fuori le unghie perché i cavalli vincenti si vedono solamente alla fine. E sulla sfida contro la Sampdoria, Conte mette ben in chiaro che si tratta di una partita insidiosa e difficile in quanto è una buona squadra guidata da un tecnico bravo.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.