Dopo 17 anni di causa lo Stato condannato a risarcire 48mila euro

Ho venduto un immobile e un mediatore, mai visto, ha promosso una causa per ottenere la mediazione dichiarando di avere avuto contatti con l'acquirente. Alla fine la sentenza: la richiesta fatta dal mio avvocato era corretta

Le storie di malagiustizia raccontate dalle vittime al sito web del "Giornale". Scrivici anche la tua: malagiustizia@ilgiornale-web.it. La porteremo al ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri

Ho venduto un immobile e un mediatore, mai visto, ha promosso una causa per ottenere la mediazione dichiarando di avere avuto contatti con l'acquirente. Anche questa affermazione non risponde a verità. La causa viene presa in carica da ben otto giudici che si sono susseguiti nell'arco di diciassette anni! Alla fine la sentenza: la richiesta fatta dal mio avvocato fin dalle prime battute (ovvero che la causa era stata promossa fuori dai tempi di legge) era corretta e che le parti compensavano le spese. ... 17 anni per sentenziare questa banalità! A ciò è seguita la richiesta di risarcimento al Tribunale dell'Aquila e ora lo Stato sborserà a me e ai miei fratelli 48.000 euro. Una vergogna tutta italiana. Avrei preferito avere una sentenza vera e definitiva e non un risarcimento a spese della comunità. Perché non pagano quei magistrati che hanno sbagliato?

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti