Tutti all’inferno per troppa virtù

Se vedi le cose da ciascun punto di vista, non dai torto a nessuno

Se vedi le cose da ciascun punto di vista, non dai torto a nessuno. Napolitano fa il suo dovere cercando di far quadrare il cerchio per salvare baracca e burattini. Letta fa il suo dovere cercando di andare avanti col suo governo, a prescindere. Berlusconi fa il suo dovere difendendo la libertà sacrosanta di guidare il suo popolo. Epifani fa il suo dovere difendendo la coerenza della sinistra.

Che colpa ne ha il centrosinistra se è costretto a mantenere il suo impegno con i suoi elettori? Che colpa ne ha il centrodestra se è obbligato a difendere il suo leader e l'impegno con gli elettori? Che colpa ne hanno i 5stelle a dover urlare contro l'inciucio se sono stati votati proprio per far questo? Ognuno fa la sua parte onesta, rispetta il suo mandato e i suoi elettori. E la stessa cosa fanno le povere colombe che cercano disperatamente di non privare l'Italia di un governo e difendere il loro compito di ministri. Ma anche i falchi fanno il loro dovere di difendere l'onore del loro capo e del loro impegno, a ogni costo.

Non è un mio raptus buonista, ognuno fa il suo dovere. E allora com'è che ogni singolo addendo ha la coscienza a posto ma la somma è il caos e la paralisi? Se tutti fanno la loro parte perché poi il risultato è un Paese irresoluto e inconciliabile? Non vi muove a pietà il loro affannoso e continuo rinvio in cerca di un'impossibile sintesi? Il dovere di ciascuno è la dannazione di tutti. Ci vorrebbe uno strappo dal proprio dovere, un tradimento... O finiremo all'inferno per eccesso di virtù.