Amministrative: vince l'astensionismo, ma il vero perdente è il M5S

Al voto solo il 62% dei cittadini. Ma il vero perdente è Grillo: M5S fuori da tutti i ballottaggi. A Roma in testa Marino, Alemanno: "Partita ancora aperta". E Letta tira un sospiro di sollievo

Amministrative: vince l'astensionismo, ma il vero perdente è il M5S

Quella del 26 e del 27 maggio è stata la tornata elettorale dell'astensionismo, un fenomeno emerso già alle elezioni di febbraio. Tra ieri è domenica è andato a votare solo il 62% degli italiani, quasi 15 punti in meno rispetto al voto del 2008 (quando però si votava anche per le politiche). Ed è andata anche peggio a Roma, dove si è recato alle urne solo un cittadino su due.

Un voto che comunque "premia la governabilità e dà respiro al partito", secondo il segretario del Pd Guglielmo Epifani intervistato da Il Messaggero. Tira un sospiro di sollievo, quindi, Enrico Letta: tra i democratici forte era il timore che l'appoggio alle larghe intese venisse bocciata dalle urne e mettesse alle strette un partito già in forte crisi. Il centrosinistra ha tenuto invece in quasi tutte le sfide principali. Anche a Siena dove, nonostante lo scandalo Mps, il candidato Bruno Valentini andrà al ballottaggio con un vantaggio di oltre il 40%. 

E un voto che rappresenta però una vera e propria dèbacle per il M5S, escluso da tutti i ballottaggi e fortemente ridimensionato dalle urne. Nella Capitale il candidato grillino ha conquistato poco più del 12% dei voti e anche nelle altre città i dati non sono superiori, segno che i delusi dalla politica hanno preferito stavolta rifugiarsi nel non voto. 

La corsa per il Campidoglio continua con una sfida a due. In testa Ignazio Marino (centrosinistra) con il 42,8% contro il 30,2% di Gianni Alemanno. Il sindaco uscente non si dà per vinto e annuncia battaglia: "La partita è ancora aperta", commenta.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento