Bersani tradito dai compagni Pure Hollande punta sul Prof

L'Eliseo tifa per Monti: "Si unirà a una coalizione, stabilizzerà l'Italia". E il Corriere si unisce al coro. Il leader Pd ha paura e dice al premier di "restare fuori dalla contesa"

Il segretario nazionale del Partito democratico Pierluigi Bersani

La paura che Mario Monti possa davvero scegliere di scendere in campo e sparigliare i giochi è tanto forte che Pier Luigi Bersani convoca i giornalisti nella sua Piacenza per dare l'altolà: «Proprio perché Monti può essere ancora utile, sarebbe meglio che restasse fuori dalla contesa», avverte.
Dietro quell'«utile» si cela, spiegano nella cerchia bersaniana, sia l'offerta reiterata del Quirinale che l'ipotesi - assai più hard per il Pd - di un Monti super-ministro dell'Economia, ossia numero uno bis del futuro governo. «Il suo contributo per il paese sarà fondamentale anche dopo», incalza Enrico Letta, «e vedremo in che modo».
L'incognita delle prossime mosse di Monti allarma il Pd, che si sente già la vittoria elettorale in tasca e guardava con letizia ad una campagna elettorale bipolarizzata dal ritorno del Cavaliere. Se il Professore sponsorizzasse un rassemblement centrista, il rischio di non avere la maggioranza al Senato sarebbe forte. Per questo Bersani, intervistato dal Wall Street Journal, mette le mani avanti: se non ci fosse una chiara maggioranza, «la soluzione non sarà né Bersani né Monti, ma nuove elezioni». Come dire che il Pd, che presumibilmente avrà comunque la maggioranza alla Camera (l'ultimo sondaggio lo dà al 32%), non appoggerà altro governo che quello guidato dal segretario.
Ma al di là delle decisioni politiche del premier, è il pressing crescente di tutti quei mondi che alimentano la diffidenza verso le future politiche di un governo Pd-Sel a creare irritazione ed allarme. I mercati, le cancellerie Ue (e non solo), i soliti «poteri forti» e giornali fiancheggiatori: non è sfuggito il rapido posizionamento del Corriere della Sera, e se non fosse stato chiaro ieri il direttore De Bortoli lo ha detto esplicitamente: «Guardo con preoccupazione ad un futuro governo condizionato da Vendola». Anche la linea di Repubblica, che alterna carezze a Bersani e endorsement a Monti, non lascia tranquilli. E ieri ci si è messo pure l'amico dell'Eliseo, François Hollande, che da Oslo se ne è uscito con la previsione che Monti resterà in campo: «In un mese o due sarà in grado di unirsi ad una coalizione o andrà avanti e stabilizzerà l'Italia».
Che la pressione sia forte lo denuncia un dirigente di Sel molto vicino a Nichi Vendola: «È chiaro a tutti che Berlusconi non ha alcuna possibilità di vincere, quindi questo pressing ha un altro obiettivo: spostare al centro l'asse del futuro governo italiano». La loro grande paura, spiega, è che «domani ci sia un'Europa guidata da Bersani con noi, da Hollande e magari dalla Spd tedesca». Per questo si vuole «spingere il Pd ad allearsi col centro montiano e ridare un ruolo di governo al Professore». Ma Sel, avvertono i vendoliani, è pronta alle barricate: «Monti ministro dell'Economia? Non esiste. Bersani sarebbe dimidiato e noi messi all'angolo. Ci metteremo di traverso». Nel frattempo, però, i bersaniani si dicono certi che «pur di fare il governo, ci starà anche Nichi».
E Bersani, con il Wsj, assicura - in pratica - che la sua politica economica sarà quella di Monti, e non di Vendola: «La discussione sull'articolo 18 è un capitolo chiuso», dice, elogiando gli effetti positivi della riforma Fornero sulla flessibilità. Tuona da Rifondazione Paolo Ferrero: «Bersani è il sosia di Monti». Reazioni di Sel: zero. E pure la Cgil tace. O non sanno l'inglese, o il momento è davvero grave.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

gianni.g699

Mar, 11/12/2012 - 09:00

Il viscido tradito dai suoi simili !!!

Ritratto di Manieri

Manieri

Mar, 11/12/2012 - 09:01

In questo senso davvero monti è "super partes". Egli è espressione di quel secondo livello che dei vari partiti si serve e a cui i vari partiti devono rendere conto.

morovalmontone

Mar, 11/12/2012 - 09:09

CARO BERSANI GIA ' te la fai sotto solo a pensare che il prof Monti scende in campo tanto siete della stessa pasta lei ha rovinato l'italia rincorendo con i suoi Colonnelli, Berlusconi. MONTI con i suoi tecnici ha rovinato L'Italia con le tasse ai cittadini senza toccare le Caste e Politici E' bello votare all'unanimita'aumenti di balzelli e poi dare la colpa ad altri

killkoms

Mar, 11/12/2012 - 09:57

un"utile id.iota"vale più di un compagno!

canaletto

Mar, 11/12/2012 - 10:03

Perchè non lo assume con tutta la sua ghenga almeno ce lo leviamo dai piedi e magari manda a gambe all'aria la francia

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Mar, 11/12/2012 - 10:31

Torni alla pompa di benzina a fare il pieno. Di benzina, perché quello di voti alle elezioni se lo scorda!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 11/12/2012 - 10:39

Chi sia Bersani certamente lo sanno pure all'estero, in Europa. Nel 1980 era già attivo, con incarichi politici sul territorio, come appartenente al PCI, quindi in un periodo in cui la Germania era divisa in due e Berlino era attraversata dal muro della vergogna. Bersani ha detto in TV di essere "europeista", però non ha detto da quando, dato che il PCI, in cui era rigidamente inquadrato, in quei tempi riceveva ordini direttamente da Mosca, e non solo ordini.

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Mar, 11/12/2012 - 10:45

E poi Monti non è appoggiato dai poteri forti! Ora vedremo se Bersani farà lo zerbinotto del Corriere della Sera , dei comunisti tipo Schulz,Holland o ex DDR tipo Merkel. Spudorata gentaglia, non hanno neanche un poco di dignità, vogliono che tu lavori, faccia dei sacrifici con il fine di coprire le minchiate stratosteriche fatte dalle banche e riparare i danni fatti dal comunismo!

mario.de.franco

Mar, 11/12/2012 - 11:12

Che Holland bocci Bersani a favore di Monti è come scottarsi con la brace anzichè con la padella, ma quello che deve finire una volta per tutte ( e mi auguro che il prossimo presidente del consiglio lo imponga ) è che Francia, Germania, Inghilterra, ecc.ecc. pensino agli affari interni loro che ne hanno già fin sopra i capelli. Non credano, influenzando il nostro voto , di poter risolvere i loro problemi .Già glie ne abbiamo risolti molti con il governo Monti a scapito nostro.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mar, 11/12/2012 - 11:19

E' ovvio che Bersani e Kompagni temano una "lista Monti"; sanno benissimo che i voti li prenderebbe principalmente a sinistra o al massimo dal micro elettorato rimasto a Casini. E così gli toccherebbe scendere a patti anche con lui per tentare di appropriarsi dell'Italia. La sinistra ha debiti da pagare a un esercito composto da giornalisti ideologizzati, da sindacalisti integralisti, da "precari" (più o meno reali), da No-Tav, da centri sociali, da immigrati più o meno clandestini, da gay e lesbiche, da sperperatori di governi locali, da banche e gruppi finanziari rossi, da assenteisti e fancaxisti della P.A., da parlamentari traditori del mandato, da enti inutili, da figli dell'assistenzialismo al meridione, ecc... Dove credete andrà di nuovo a succhiare sangue (con Befera in prima linea) per tutti questi "creditori"? Da quel poco di Italia che ancora tenta di produrre qualcosa e lavorare davvero! Fatevi pure abbindolare, ma pensate anche a un posto dove scappare... dopo. Scusate tanto! Sono talmente tanti i creditori di Bersani & Kompagni che so di averne tralasciati molti, ma è imperdonabile che abbia dimenticato l'esercito più armato di tutti che ha in mano la cambiale rossa più grossa... la magistratura politicizzata, schierata e vero caposaldo dell' anti-liberismo e dell'annullamento della vera libertà di tutti noi. Se stavolta vincono le sinistre, la situazione economica italiana e internazionale assieme alla guerra senza esclusione di colpi che altri governanti europei hanno dichiarato alla pericolosa (per loro) macchina produttiva Italiana, si compirà la morte economica e sociale dello Stato Italia e assisteremo alla vendita in saldo di tutto ciò che abbiamo costruito in secoli di sacrifici e intraprendenza! A Monti è già sfuggito il suggerimento agli emiri: "venite adesso a comprare pezzetti di Italia, costano poco e nessuno si opporrà alla svendita. Venite adesso, perché presto ci sarà la fila per i saldi sulle vite degli Italiani!"....

churchill

Mar, 11/12/2012 - 11:49

Certo tutti i membri della cricca di sinistra Europea "spendi e tassa e spremi i cittadini" si alleano contro Berlusconi perché non é strumentale al loro disegno politico anti-democratico, globalista, multiculturalista di dominio del cittadino da parte dello stato sovranazionale diretto da un'elite politico-finanziaria-mediatica che non risponde agli elettori.

lorenzo464

Mar, 11/12/2012 - 12:05

certo è che nessuno tifa Berlusconi..

agosvac

Mar, 11/12/2012 - 12:44

Monti super ministro dell'economia sotto un Governo bersani è una vera barzelletta. Solo un idiota, e Monti di certo non lo è, potrebbe accettare di prendersi la responsabilità dell'economia sapendo che nè bersani nè vendola gli permetterebbero di fare alcunchè non deciso da loro.Tra l'altro non sarebbero nè bersani nè vendola a decidere, sarebbero solo e nessun altro che landini e la camusso!!!!!Alleluia!!!!!

Giovanmario

Mar, 11/12/2012 - 13:04

caro bersani.. tu hai la coda di paglia.. hai capito, ma non lo dici a nessuno, che i nostri problemi di spread e di borsa non sono dovuti a berlusconi ma alle prossime dimissioni di monti e conseguente vittoria del centro sinistra alle elezioni politiche.. e sì, caro compagno, i mercati non gradiscono l'estrema sinistra di vendola anche se tu continui ogni giorno ad annacquarla spacciandola per una sinistra riformatrice invece che radicale, con la complicità dei giornali amici tuoi che hanno assunto il più rigoroso e vergognoso silenzio stampa sul tuo alleato.. e poi c'è una cosa che volevo dirti.. tu in prima persona e tutti i tuoi servi della stampa e dello spettacolo avete ironizzato la probabile discesa in campo di berlusconi.. ma tu.. ti sei visto allo specchio? sei in politica da più di trent'anni e vuoi fare il ragazzino? perchè tu dovresti candidarti a premier e berlusconi no? forse perchè hai vinto le primarie, semplicemente impedendo ad un altro di poterle vincere a sua volta? forse perchè i tuoi amici magistrati hanno fatto uscire un'indiscrezione sul fondoschiena della merkel? ma tu.. quante piadinate riesci a dire in una giornata.. specialmente dopo qualche birretta?..

laura

Mar, 11/12/2012 - 13:14

E' consolante sapere di poter contare sui disinteressatissimi consigli di francesi e tedeschi per fare le nostre scelte politiche. Non mi risulta che noi si sia fatto altrettanto quando i francesi andarono a votare. Proporrei di far votare i paesi esteri o la stampa estera, per noi, cosi' avremmo risolto il problema. Anzi, aboliamo le elezioni, cosi' facciamo prima e loro possono scegliere il burattino di turno.