Big Snow imbianca pure Capri e Liguria

Scuole chiuse, auto ferme, stop ai tir, voli ridotti. L'Italia si prepara al lunedì bianco. Per oggi è infatti attesa la più intensa nevicata dell'inverno su mezz'Italia.
Liguria in testa, con Sanremo che si prepara al festival. E pensare che la chiamano «la Città dei fiori». Ora gli abitanti, d'accordo con gli ospiti più affezionati, pare che vogliano cancellare l'attributo storico di Sanremo. Tutta colpa di pioggia, vento e freddo che un tempo, qui, erano una bizzarra stranezza. Ci si mette di mezzo anche la neve: da 20 a 50 centimetri, fin dalla mattinata di oggi, che dovrebbero imbiancare non solo le colline, ma anche il mare. A proposito: pare che l'ondata di maltempo in arrivo dal Nord Europa - una vera e propria bufera, «Big Snow» - abbia voglia di colpire, e colpire duro, soprattutto la Liguria, quella che è sempre stata considerata la Florida d'Italia, sole pieno e bagni in mare fuori stagione, dappertutto fioriture di specie esotiche o addirittura tropicali. Da qualche anno, invece, da Ventimiglia a La Spezia, il clima è un vero e proprio calvario di passione. I trascorsi più recenti sono di ricorrenti alluvioni, devastante quella che ha colpito nel 2011 le Cinque Terre.
Anche il capoluogo non si è fatto mancare niente: in particolare, dopo l'esondazione del rio Fereggiano del novembre di due anni fa, costata la vita a sei persone, è finito nel mirino della magistratura anche l'ex sindaco Pd Marta Vincenzi nell'inchiesta per un falso verbale diffuso dal Comune.
Evidentemente scottata dai precedenti, a Genova l'amministrazione comunale ha deciso per oggi misure drastiche: chiuse le scuole di ogni ordine e grado e l'Università; il sindaco Marco Doria ha firmato l'ordinanza di divieto di circolazione, fino alla mezzanotte di oggi, per i veicoli a due ruote e per quelli sprovvisti di catene a bordo o pneumatici da neve. Inoltre: raccomandazione di limitare l'uso dell'auto ai casi di necessità e di prestare massima attenzione in prossimità degli alberi, per il pericolo di caduta dei rami.
Nel resto dell'Italia non si sta meglio: ieri ha nevicato per tre ore a Capri, oltre 10 centimetri di manto bianco hanno coperto Nuoro, e precipitazioni nevose hanno colpito Marche, Puglia e Calabria anche a quote basse, mentre - spiega il meteorologo di 3bmeteo.com, Edoardo Ferrara - si prevede, per le prossime ore, un peggioramento generale delle condizioni soprattutto al Nord «che si prepara a ricevere le più intense precipitazioni dell'inverno, accompagnate da forti venti di libeccio e di scirocco».
Ieri sera dal Viminale è partita l'allerta. Vietata la circolazione ai Tir dalle 22. I provvedimenti riguardano Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Toscana, Emilia Romagna, Marche ed Umbria. E scattata anche la corsa ai supermercati per fare scorta di cibo, nel timore che possa essere complicato uscire di casa nei prossimi giorni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.