Cicchitto: "Saremo durissimi con i magistrati di Milano, ma il governo regge"

L'onorevole del Pdl: "Certe toghe lavorano per smontare le larghe intese. Non ci riusciranno. Non credo che ci saranno altre manifestazioni davanti al tribunale lombardo"

Cicchitto: "Saremo durissimi con i magistrati di Milano, ma il governo regge"

Roma - Onorevole Fabrizio Cicchitto, dopo la sentenza Mediaset il governo scricchiola?
"La linea di Berlusconi è quella di separare nettamente le due questioni: rispondiamo e risponderemo colpo su colpo all'attacco di certa magistratura ma non coinvolgiamo il governo".
Ma per voi l'azione della Procura di Milano è politica....
"Lo fa dalla discesa in campo, nel '94. Tant'è vero che precedentemente non c'era questa spasmodica attenzione nei confronti di Berlusconi. Oggi è un imputato eccellente alla rovescia: udienze fissate più volte nella settimana ad un ritmo che non caratterizza certamente nessun processo normale, indagini a tappeto, perquisizioni, intercettazioni".
La grande coalizione che appoggia Letta ha accentuato l'offensiva giudiziaria?
"Ma certo: un settore della magistratura lavora per smontare l'anomalo equilibrio delle larghe intese. Mi auguro proprio che non ci riescano. Il governo durerà almeno per i 18 mesi citati da Letta".
Qualcuno maligna: i toni tornano ad alzarsi e sarà il Pd ad avere difficoltà a stare assieme a voi. Corretto?
"Ma i toni non sono esasperati. Noi non attacchiamo i magistrati. Sono certi magistrati che continuano ad attaccarci. E noi rispondiamo politicamente".
C'è in vista un'altra manifestazione davanti al tribunale di Milano?
"Non credo in manifestazioni davanti al tribunale. Diverso è il discorso riguardante eventuali assemblee politiche ed eventuali repliche di Berlusconi alla Boccassini. A Brescia sarà una manifestazione politica a 360 gradi. Certo, si parlerà anche di giustizia e del candidato sindaco Paroli visto che tra due settimane ci saranno le elezioni amministrative".
Con Monti, la strana maggioranza non riuscì ad affrontare alcuni temi spinosi sulla giustizia: penso alla responsabilità civile dei magistrati e alle intercettazioni. Ci riuscirà lo strano governo Letta-Alfano?
"Le posizioni di partenza su questi temi sono molto lontane. E su tutta una serie di altre questioni, non solo quelle citate da lei, non s'è fatta alcuna intesa di governo. Ma già è molto rilevante la parte sulla quale c'è l'accordo. Penso alle cruciali questioni economiche e istituzionali".
Traguardo a portata di mano o strada in salita?
Se il governo riesce a fare, la protesta di Grillo si sgonfierà. Se viceversa s'impantana, il Movimento 5 Stelle avrà buon gioco nell'aumentare i propri consensi. Comunque, vista l'ambizione degli obiettivi, la strada è certamente in salita.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento