Contrada è definitivamente libero: no del giudice alla libertà vigilata

L'ex 007 non avrà più alcun tipo di restrizione. Il magistrato di sorveglianza ha deciso che è troppo vecchio e malato, e che le pene accessorie sono inutili

La decisione era scontata, vista la condotta esemplare tenuta in tutti questi anni, l'età e le gravi condizioni fisiche, che nell'ultimo periodo di detenzione hanno reso necessaria la detenzione domiciliare. Ma adesso è ufficiale, messa nero su bianco dal giudice di sorveglianza: Bruno Contrada è un uomo libero a tutti gli effetti; all'ex funzionario del Sisde, che ha scontato in gran parte in carcere i dieci anni di reclusione che gli sono stati inflitti per concorso esterno in associazione mafiosa, non va applicata la misura accessoria della libertà vigilata, perché ormai è troppo vecchio e malato per avere contatti che esulino da quelli con i familiari stretti e con i medici.

La decisione del giudice di sorveglianza è arrivata ieri. A chiederla erano stati i legali dell'ex 007, gli avvocati Giuseppe Lipera e Grazia Coco, e anche il pm aveva espresso parere favorevole. Per l'ex funzionario del Sisde il magistrato ha disposto la «non applicazione della misura di sicurezza di tre anni di libertà vigilata» perché non può essere considerato «socialmente pericoloso, ed è oggi impegnato soltanto nella cura degli affetti familiari e delle proprie condizioni di salute». La misura era stata disposta come pena accessoria alla condanna a 10 anni per concorso esterno all'associazione mafiosa che il super poliziotto ha finito di scontare lo scorso 11 ottobre, quando è stato scarcerato. «L'irreprensibile condotta del Contrada nel corso di oltre un anno di detenzione agli arresti domiciliari - scrive il giudice nell'ordinanza - costituisce la lente di ingrandimento di un regime stringente di prescrizioni e controlli, scrupolosamente osservati, da cui emerge la figura di una persona gravemente malata che limita la sua sfera relazionale ai rapporti con i familiari e con i medici».

Il caso, dunque, è definitivamente chiuso. Anche se Contrada, che si è sempre proclamato innocente, non demorde. Il suo obiettivo, infatti, è la riapertura del processo, attraverso la revisione. Più volte l'avvocato Lipera ha presentato istanze chiedendo che si rifaccia il processo. Sinora invano. Ma la battaglia, comunque, continua.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Rossana Rossi

Gio, 20/12/2012 - 16:33

Altra pagina indecorosa della nostra magistratura. Che vergogna !

Ritratto di nessuno_007

nessuno_007

Gio, 20/12/2012 - 16:46

un uomo che ha pagato per non avere niente in cambio, che schifo di società,e benigni parla di bella costituzione mi

papeppe

Gio, 20/12/2012 - 17:25

Non ho mai capito la severità con cui è stato trattato quest'uomo. Anche se per ipotesi le accuse a suo carico erano vere perchè questa severità. Quale è la causa di questo accanimento. Non ricordo di altri funzionari dello stato che condannati per reati vari sono stati così duramente perseguiti.

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Gio, 20/12/2012 - 19:10

Pover'uomo! Servitore dello Stato, trattato molto peggio di un criminale. Fosse stato komunista quanti problemi in meno che avrebbe avuto! Anzi, lo avrebbero eletto in Parlamento. Come Toni Negri e tanti altri. Ricordate?

fedele50

Gio, 20/12/2012 - 22:52

QUEST'UOMO SA TROPPO , NON HA MAI PARLATO, SE LO FACESSE ORA LO FAREBBERO SPARIRE, MA DI SICURO ALLA SUA MORTE MOLTE TESTE CADRANNO, GRAZI EROE, GRAZIE UMILE SERVITORE, DI UNO STATO MALEDETTO.

Teddysamp

Gio, 20/12/2012 - 23:03

E devi essere contento di aver preso solo 10 anni bisognava darti l'ergastolo