Corte dei Conti ai partiti:"Controlleremo noi i bilanci"

La Corte dei Conti è contraria all'istituzione di una Autorità <em>ad hoc</em>. Domani la commissione Affari Costituzionali della Camera esaminerà la riforma dell'articolo 49

Lo scandalo che ha coinvolto la Lega - e non solo - ha fatto ipotizzare l'istituzione di una Autorità che controlli i bilanci dei partiti e l'utilizzazione dei rimborsi elettorali e dei finanziamenti pubblici in genere. Un'idea che però non piace alla Corte dei Conti. I magistrati che ne fanno parte, infatti, sono "nettamente contrari" all'ipotesi perché "l’esigenza di trasparenza può essere garantita dalla Corte dei Conti che da 150 anni svolge questo tipo di controlli", come spiega il presidente dell’associazione dei magistrati Angelo Buscema, aggiungendo che "chiaramente si tratterebbe di una garanzia in funzione ausiliaria del Parlamento".

Intanto i partiti stanno cercando un accordo sulla trasparenza e sulla riforma dei meccanismi di finanziamento. Già domani potrebbero riunirsi i tecnici di partito e i tesorieri: Rocco Crimi e Massimo Corsaro per il Pdl, Bendetto della Vedova per Fli, Giampiero D’Alia per l’Udc, Antonio Misiani e Gianclaudio Bressa per il Pd. Sempre domani la commissione Affari costituzionali della Camera si consulterà sulle proposte di legge abbinate sull’attuazione dell'articolo 49 della Costituzione. 

Commenti

csciara

Mar, 10/04/2012 - 18:27

Dovete inserire nelle nuove norme anche la previsione che non vanno soldi pubblici ai partiti se i dirigienti politicanti non tengono comizi nelle piazze italiane. La politica si fa nelle strade, nei quartieri a rischio, nelle città in bancarotta, nelle schifo di metropolitane, nelle vie occupate da questuanti di ogni età!!! La politica non si fa in televisione, comodamente seduti in poltrona a fare sfoggio di tecniche di comunicazione senza dire mai niente di serio e generando sempre volgari litigi! Politici venite a prendervi i voti in mezzo ai cittadini; non rischiate niente, al massimo non prendete il voto bensì qualche pernacchia!!! Che poi sarebbe il meno che meritate!!!

csciara

Mar, 10/04/2012 - 18:27

Dovete inserire nelle nuove norme anche la previsione che non vanno soldi pubblici ai partiti se i dirigienti politicanti non tengono comizi nelle piazze italiane. La politica si fa nelle strade, nei quartieri a rischio, nelle città in bancarotta, nelle schifo di metropolitane, nelle vie occupate da questuanti di ogni età!!! La politica non si fa in televisione, comodamente seduti in poltrona a fare sfoggio di tecniche di comunicazione senza dire mai niente di serio e generando sempre volgari litigi! Politici venite a prendervi i voti in mezzo ai cittadini; non rischiate niente, al massimo non prendete il voto bensì qualche pernacchia!!! Che poi sarebbe il meno che meritate!!!

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mar, 10/04/2012 - 18:53

Io VOGLIO L'ABOLIZIONE dei rimborsi non la trasparenza di questi FURTI

guardiano

Mar, 10/04/2012 - 19:03

La corte dei conti non deve controllare proprio un bel niente niente i finanziamenti ai parassiti della politica si devono togliere, se li guadagnino piegando la schiena come fanno i comuni cittadini, e si faccia rientrare il maltolto,la gente è stufa.

rege renato

Mar, 10/04/2012 - 19:18

I soldi del finanziamento hai partiti sono degli ITALIANI e chi se li frega deve essere condannato severamente per appropriazione in debita.....Spesa facile e corruzioni uguale FALLIMENTO.

idleproc

Mar, 10/04/2012 - 19:18

Me vien da ride.

marco-70

Mar, 10/04/2012 - 19:30

Italiani comprate btp che li pagate meno e sganciano belle cedole.... il resto chissenefrega

salvosalvino

Mar, 10/04/2012 - 19:43

Sin dall'inizio della triste vicenda "salvaItalia" di Monti mi sono permesso di rimproverare il triunvirato Monti, Napolitano e Fornero ma, ciononostante, essi hanno perseguito la loro politica folle e nefasta senza emendarsi. Ciò denota presunzione ed ostinazione nell'errore e nel male! Adesso è il caso di licenziarli tutti e tre.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 10/04/2012 - 20:18

Ma allora questi disonorevoli fanno i finti tonti,non è la trasparenza in primo luogo che la gente vuole,ma un ridimensionamento del finanziamento a livello europeo.Mi sembra quella barzelletta di quello che dice all'amico "vai a pescare?" -"no vado a pescare"- "ah credevo tu andassi a pescare !!"Questo stanno facendo meno che quello che il popolo chiede.Non credo che l'Italia si tirerà mai fuori dalle secche con queste persone.Farabutti..........

sulin

Mar, 10/04/2012 - 20:38

Ma si....., mettiamo su un altro carrozzone, tanto paghiamo noi. non ci salviamo più. sono tutti buffoni ladri impuniti. VERGOGNA

disalvod

Mar, 10/04/2012 - 21:00

Mi Meraviglio Molto Sul Comportamento Della Corte Dei Conti Che Invece Di Annullare Definitivamente Tutti I Privilegi Ed Il Finanziamento Dei Partiti Voule Adesso Erigersi A Controllore Dei Bilanci Dei Partiti.lo Sperpero Di Denaro Pubblico E Gli Alti Stipendi Che Vengono Elargiti A Molti Dipendenti Delle Istituzioni Pubbliche,senza Meritarseli,sono La Vergogna Dell'italia.

DAD46

Mar, 10/04/2012 - 21:01

Prima era sempre colpa di Berlusconi. Ora di chi è?

silvano45

Mar, 10/04/2012 - 22:43

siamo messi male se diamo da controllare i conti alla corte del nulla sino ad ora gli unici conti che questi signori controllano sono i loro stipendi prebende doppi incarichi ma dove si trovavano questi signori quando i loro amici politici sprecavano rubavano ?

killkoms

Mar, 10/04/2012 - 23:13

e chi controlla i controllori?come i magistrati del civile;le cause sono lentissime,ma si arricchiscono con gli arbitrati!

Agostino Tizzi

Mar, 10/04/2012 - 23:15

Poveri nostri soldi. Gli Italiani debbono fare i sacrifici per finanziare queste fameliche belve che più mangiano e più hanno fame. Ma speriamo che gli Italiani si sveglino e nella prossima consultazione non vanno a votare. Sarebbe una solenne lezione.

Massimo Bocci

Mer, 11/04/2012 - 03:46

Siamo a posto,la corte dei conti (del regime...cattocomunista), che ha fatto si che in Italia la prima impresa sia la (mafia??)del debito pubblico,....si incaricherà di verificare i malversatori ,dissipatori,delle asse dello stato i partiti.... Per statuto (comunistacatto Stalin-Togliatti..Papaliini) senza vincolo di mandato (e soprattutto vergogna),con un unico e solo mandato...obbiettivo...( perfettamente centrato!!)....RUBARE e vessare il Bue,...come si dice al peggio non c'è mai fine basta vedere lo sperperatore del colle (220 milioni) e il clone spread,.....ci meritiamo proprio di fallire,....per una specie di stato clone parà comunista siamo già sopravvissuti abbastanza,.....poi i comunisti previdenti (per il loro avvenire) ci hanno già cucinato facendoci invadere da orde di extra comunitari il loro nuovo sol dell'avvenire,......i nuovi sfruttati del patto comunista pan Euro Crucco.

Massimo Bocci

Mer, 11/04/2012 - 03:46

Siamo a posto,la corte dei conti (del regime...cattocomunista), che ha fatto si che in Italia la prima impresa sia la (mafia??)del debito pubblico,....si incaricherà di verificare i malversatori ,dissipatori,delle asse dello stato i partiti.... Per statuto (comunistacatto Stalin-Togliatti..Papaliini) senza vincolo di mandato (e soprattutto vergogna),con un unico e solo mandato...obbiettivo...( perfettamente centrato!!)....RUBARE e vessare il Bue,...come si dice al peggio non c'è mai fine basta vedere lo sperperatore del colle (220 milioni) e il clone spread,.....ci meritiamo proprio di fallire,....per una specie di stato clone parà comunista siamo già sopravvissuti abbastanza,.....poi i comunisti previdenti (per il loro avvenire) ci hanno già cucinato facendoci invadere da orde di extra comunitari il loro nuovo sol dell'avvenire,......i nuovi sfruttati del patto comunista pan Euro Crucco.

Giuseppe Borroni

Mer, 11/04/2012 - 07:31

non c'e' bisogno di nessun controllo sui bilanci ne' dalla Corte dei Conti ne' da qualche societa' di revisione contabile dal nome esotico. Tanto speso (giustificativi alla mano) per i costi elettorali e tanto rimborsato. Ogni euro in piu' corrisposto e' finanziamento """illegittimo""" ai partiti. Non ci devono essere Tesorieri di partito perche' legittimamente i partiti non devono avere ""tesori"" da investire. Non c'e' nessun avvocato che si senta di far causa ai singoli partiti chiedendo il rimborso alle casse pubbliche di quanto illegittimamente ricevuto? io contribuirei volentieri a pagare la parcella Beppe Borroni

Giuseppe Borroni

Mer, 11/04/2012 - 07:31

non c'e' bisogno di nessun controllo sui bilanci ne' dalla Corte dei Conti ne' da qualche societa' di revisione contabile dal nome esotico. Tanto speso (giustificativi alla mano) per i costi elettorali e tanto rimborsato. Ogni euro in piu' corrisposto e' finanziamento """illegittimo""" ai partiti. Non ci devono essere Tesorieri di partito perche' legittimamente i partiti non devono avere ""tesori"" da investire. Non c'e' nessun avvocato che si senta di far causa ai singoli partiti chiedendo il rimborso alle casse pubbliche di quanto illegittimamente ricevuto? io contribuirei volentieri a pagare la parcella Beppe Borroni

umberto nordio

Mer, 11/04/2012 - 08:18

Non è sufficiente il contrllo della Corte dei Conti.Bisogna prima dare un taglio netto ai finanziamenti ( per non chiamarle rapine).Non è possibile che gli stessi partiti decidano le regole .Loro sono i beneficiari .Se Monti vuole riacquistare un poco la stima del popolo italino deve manifestare una minore sottomissione ai partiti(altro che lodarli per il loro senso di responsabilità)e dare una bella sforbiciata alle loro ruberie.

umberto nordio

Mer, 11/04/2012 - 08:18

Non è sufficiente il contrllo della Corte dei Conti.Bisogna prima dare un taglio netto ai finanziamenti ( per non chiamarle rapine).Non è possibile che gli stessi partiti decidano le regole .Loro sono i beneficiari .Se Monti vuole riacquistare un poco la stima del popolo italino deve manifestare una minore sottomissione ai partiti(altro che lodarli per il loro senso di responsabilità)e dare una bella sforbiciata alle loro ruberie.