Diffamazione, Grillo pagherà 50mila euro a Berlusconi

La Corte d'appello condanna il comico per un articolo del 2004 comparso su Internazionale

Diffamazione, Grillo pagherà 50mila euro a Berlusconi

Cinquantamila euro da sborsare a Silvio Berlusconi. Beppe Grillo sarà costretto ad allentare - e non poco - i cordoni della borsa. I giudici della prima sezione della Corte d'appello del tribunale di Roma hanno infatti ribaltito una sentenza di primo grado per diffamazione a mezzo stampa, condannando il guru del Movimento 5 Stelle a risarcire per danno patrimoniale il Cavaliere. E a pagare le spese processuali.

Parte lesa nella vicenda era la Fininvest Spa, diffamata da Grillo. L'articolo al centro del procedimento, intitolato Il caso Parmalat e il crepuscolo dell'Italia, comparve nel 2004 su Internazionale. Gli avvocati del Cav avevano chiesto per la vicenda un risarcimento maggiore, pari a 500mila euro. I giudici hanno però stabilito una cifra differente, di molto inferiore, basando la propria decisione sulla bassa tiratura della rivista che ospitava il pezzo.

I legali di Grillo - scrive il Fatto Quotidiano - avevano chiesto che fosse riconosciuto l'intento satirico dell'articolo. Che non è sembrato però così evidente ai giudici che parlano di un "tono serio e mesto", privo della "volontà di provocare il riso".

Commenti

Grazie per il tuo commento