Gabanelli e Corriere sono ossessionati dal Cavalier Berlusconi

Napolitano non ha mai ritirato l'onoreficienza, aReport non va proprio giù

Gabanelli e Corriere sono ossessionati dal Cavalier Berlusconi

Silvio Berlusconi? È ancora Cavaliere. Non per vezzo o abitudine giornalistica a chiamarlo così, ma perché, pur essendosi autosospeso dalla carica dopo la condanna per il processo Mediaset, il nome dell'ex premier è ancora nella lista dei Cavalieri del Lavoro riportata sul sito del Quirinale.

L'autosospensione, racconta il Corriere della Sera in un servizio della sezione Reportime a cura di Milena Gabanelli, non è valida. Perché Berlusconi venga cancellato dall'elenco è necessario che sia lo stesso Giorgio Napolitano a dichiararlo indegno su richiesta del ministro dello Sviluppo Economico. "Questo iter, però, non è mai iniziato", spiega Bernardo Iovene, che ha chiamato quindi Flavio Zanonato.

L'ex ministro - titolare dello Sviluppo economico all'epoca dell'autosospensione - ha detto però che non aveva fatto richiesta al Quirinale in attesa che la Corte di Cassazione confermasse, il 18 marzo, l'interdizione ai pubblici uffici. Ma per il Corriere e per lo staff della Gabanelli sembra diventata una questione di principio, al punto da sollecitare il nuovo ministro Federica Guidi che ha confermato il suo impegno a "provvedere per la definizione della revoca dell'onorificenza conferita a Berlusconi".

Commenti