Legge elettorale, passa alla Camera

Quagliariello: "Serve un accordo di governo". Santanché: "Si sveglia tardi"

L'esame della riforma della legge elettorale passa alla Camera. Lo hanno comunicato congiuntamente i presidenti della Camera, Laura Boldrini, e del Senato, Pietro Grasso, sull’intesa relativa all’esame della legge elettorale. Il colloquio è durato 50 minuti. Al Senato verrà data priorità alla riforma costituzionale sul superamento del bicameralismo. Ma la legge elettorale fa scricchiolare il governo. Tocca al ministro delle Riforme, Gaetano Quagliariello lanciare il sasso: "La riforma si può fare solo se diventa parte di un accordo di governo: nessuno può fare le riforme prescindendo dal governo", avverte il ministro. Segue la minaccia: "Nei prossimi 10-15 giorni questa maggioranza o trova un accordo su legge elettorale e sulle riforme istituzionali o va in crisi e ognuno si prenderà la sua responsabilità". 

"Quagliariello si sveglia tardi - commenta Daniela Santanché -. Hanno messo in piedi un progetto di palazzo e tradendo gli elettori. Chi di spada colpisce di spada perisce: adesso saranno traditi e usati da coloro che fino a ieri li blandivano per eliminare Berlusconi dalla scena politica".

 

 

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti