L'epica gaffe della renziana Madia: parla 20 minuti col ministro sbagliato

Figuraccia della giovane deputataa: ha sbagliato indirizzo e invece che andare al ministero del Lavoro si è presentata a quello dell'Economia

L'epica gaffe della renziana Madia: parla 20 minuti col ministro sbagliato

È un episodio fantozziano quello raccontato oggi dal Tempo. Marianna Madia, la pupilla di Renzi lanciata in politica da Walter Veltroni, nei giorni scorsi avrebbe avuto un incontro al ministero dello Sviluppo Economico. Un appuntamento dovuto, avrà pensato lei, in quanto neo responsabile per il lavoro del Pd. Insomma, praticamente una specie di ministro ombra. Così la Madia si è infilata nell'ufficio del ministo Flavio Zanonato per un colloquio di una ventina di minuti. Un faccia a faccia in cui la giovane renziana avrebbe spiegato al responabile del dicastero tutte le sue strategie per sconfiggere la piaga della disoccupazione giovanile. Una relazione asciutta e puntuale. Al termine del monologo le risponde, con non poco imbarazzo, Zanonato: "Cara Marianna. Sono contento del vigore e dell’entusiasmo con il quale mi chiedi supporto. Ma di questo avresti dovuto parlare con il collega ministro del Lavoro, Enrico Giovannini. Le mie competenze non sono specificamente destinate alle politiche dell’occupazione". Un epic fail, direbbero in rete. Una figuraccia di dimensioni sesquipedali.

"Ma scusa ministro ma non sei te che ti occupi di lavoro?" avrebbe chiesto stupita e imabarazzata la Madia. A quel punto, sempre stando al racconto del quotidiano romano, il ministro - con piglio paterno - avrebbe preso sottobraccio la Madia indicandole, dall'altre parte della strada, il ministero del Lavoro: "È dall’altra parte. Hai sbagliato indirizzo".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti