Occasione d'oro se alle nostre condizioni

I parlamentari liberali dovranno battagliare perché sia rivista e migliorata, ma comunque approvata

Capisco molte delle perplessità sulla riforma del Senato proposta dal governo, alcune delle quali evidenziate ieri anche dai capigruppo di Forza Italia, Brunetta e Romani. La più fondata è che la proposta viene avanzata da Matteo Renzi, tipo non proprio affidabile quando si parla di rispettare patti e promesse (vedi caso Letta). Resto però ottimista. Il motivo principale è che, stanti gli equilibri parlamentari, senza i voti di Forza Italia nessuna riforma costituzionale potrà mai vedere la luce, almeno non in tempi e modi umani (già per le faide della sinistra Renzi rischia al Senato quando si tratta di maggioranza semplice, figuriamoci per una qualificata). E siccome penso che Berlusconi non autorizzi voti avventurosi, escludo una soluzione finale inaccettabile per il centrodestra.

Sono ottimista anche perché è Renzi che, per non perdere la faccia del riformatore modello, ha bisogno di Forza Italia, non viceversa. E, quindi, scommetto che molte delle obiezioni messe sul tappeto saranno prese in seria considerazione. Se così non sarà, il problema è ancora più semplice. Addio riforme e, a ruota, addio Renzi, uomo della provvidenza.

Nel merito, ammetto, la questione è complicata e, per certi versi, poco appassionante. Ma mi chiedo: se in Germania, Francia e Inghilterra la seconda Camera non è elettiva, se i feroci oppositori della sola idea di toccare il Senato sono i nemici storici del centrodestra (Grasso, Zagrebelsky, Rodotà, Monti, Vendola) qualche cosa vorrà pur dire. E se aggiungiamo che pure Grillo si è schierato con forza a difesa della casta senatoriale, ecco che il cerchio si stringe: chi dice no, o non adesso, lo fa per poter mantenere posizioni di rendita e il Paese nell'immobilismo e nel caos.

Molte delle obiezioni proposte oggi da Vittorio Feltri sono più che condivisibili. Ma non vorrei che, dopo averla evocata e cercata in solitudine per vent'anni, dopo averla sfiorata nel 2006 (fu un referendum a bocciare una legge simile approvata sotto il governo Berlusconi), il centrodestra perdesse l'occasione di cointestarsi una delle riforme di efficienza cavallo di battaglia del berlusconismo. Sarebbe una beffa. Per questo auguro buon lavoro ai parlamentari liberali che dovranno battagliare perché sia rivista e migliorata, ma comunque approvata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

m.nanni

Mer, 02/04/2014 - 08:14

Ieri sera Floris(Ballarò) è stato sprezzante con il Giornale sul titolo "I Tromboni". quella professoressa poi ha rincarato la dose ma con Floris che dava l'input in ogni occasione. costoro usano le reti rai come una sezione del Pd; usano la rai comne un maglio per colpire l'avversario. quella professoressa ha digrignato disprezzo per il Giornale, il "suo stile livoroso e odioso". Floris utilizza anche i miei soldi per raffazzonare voti al Pd. Chiedo a Il Giornale di tutelare coloro che pagano il canone e che la rai la smetta di essere il maglio del Pd e della sinistra. non c'è più limite all'indecenza!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 02/04/2014 - 09:11

m.nanni,fai come me,cambia canale.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 02/04/2014 - 09:48

Non c'è più ritegno. Un giornale nazionale che scrive sfacciatamente le intenzioni maligne di FI è il vero emblema della società liberale ad personam. Son finiti i tempi di Minzolini in Rai e finalmente siamo ben felici di pagare il canone a trasmissioni come Ballarò che denuncia le vere schifezze della nazione.

Rossana Rossi

Mer, 02/04/2014 - 10:31

luigipiso non ti smentisci mai, sei uno di quelli, purtroppo tanti, che si meritano questa povera Italia in fallimento per loro mano e sono da veri imbecilli ,ben contenti di farsi svuotare tasche e cervello......babbei, aspettate ancora il sol dell'avvenire? aspetta, aspetta..........

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 02/04/2014 - 10:54

Caro m.nanni perché si rode il fegato seguendo le trasmissioni che già in partenza sono contro il Centro Destra e contro Berlusconi in Primis? Vede io so di aver cominciato a vivere meglio da quando ho disdetto l'abbonamento RAI non pagando più il canone, rottamando un apparecchio televisivo acquistato con fior di euro nel dicembre 2004 e andato in tilt completamente nel 2009. Ho fatto la rottamazione vera, non come quella di Renzi, ed ho mandato una raccomandata A.R. alla Sede Rai di Torino che, puntualmente ha scritto la solita tiritera e, finalmente, alla terza raccomandata mi ha inviato da pagare un bollettino di c/c postale di € 4,58 non si sa per cosa; poi silenzio assoluto in casa mia. In questo silenzio Dio parla e gli uomini tacciono e le Parole che dice Gesù sono quelle che danno sapore alla Vita e fanno camminare anche gli storpi come me; spero comprendiate che buon merito va al Giornale che mi ha ispirato questo comportamento esemplare. Shalom

m.nanni

Mer, 02/04/2014 - 16:33

no agrippina, io pago il canone; e Floris meriterebbe un Liberale in studio. un Liberale, ma come dico io, non come la pur brava Gelmini!

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 02/04/2014 - 16:35

@Rossana Rossi Secondo me e tanti altri la vera imbecille sei tu e quelli come te. Tu aspetti ancora il fascio ed il passo dell'oca? Poveraccia.

m.nanni

Mer, 02/04/2014 - 16:47

Adriano Romaldi, io non so come fare per liberarmi dal canone. ci ho provato ma poi mi sono arreso al contenzioso di Equitalia. eppure guardiamo poco, a casa mia, la Rai; ma ciò non toglie che dobbiamo voltarci dall'altra parte per non vedere Floris. Lo guardo anche per capire dove arriva la sua strafottenza. ieri sera ci ha messo del suo per denigrare il Giornale; ma la cosa stupefacente è che se lo può permettere perchè gli esponenti di FI che invita in studio mai reagiscono a dovere. Ma non c’è soltanto Floris da spingere al telecomando: c’è il duo del Festival; l’Impresentabile, tutto il tg3("l'ex cavaliere...") e persino l’ex direttora dell’Unità. direi che l'okkupazione Rai dovrebbe spingere l'intevento di qualche Garante. ma non del Garante dell'okkupazione!

LAMBRO

Mer, 02/04/2014 - 16:49

NON SO SE HO CAPITO BENE MA...... MI SEMBRA CHE LASCIAMO AL COLLE LA POSSIBILITA' DI DISPORRE DI UN PREMIO DEL 14,2% DEI SENATORI DA DESTINARE A CAPOCCHIA.... O MEGLIO PRO DOMO SUA. OLTRE AL FATTO CHE GLI ABITANTI DELLE PICCOLE REGIONI VALGONO DI PIU' DEGLI ALTRI PERCHE' HANNO PARI NUMERO DI RAPPRESENTANTI ......VI SEMBRA DEMOCRATICO O E' DISCRIMINATORIO?

m.nanni

Mer, 02/04/2014 - 17:33

Ragazzi, canone rai a parte di cui anche Silvio si era fatto carico, ma a vuoto e con nostra delusione; il canone è ancora li a lievitare ogni giorno tassi d'interesse insopportabili e assurdi per chi obietta. czz, noi liberali non siamo riusciti neppure a cancellarlo dall'anagrafe del tributi! dicevo, canone a parte, ora c'è Renzi che ci spinge un giorno a sostenerlo e l'altro a contestarlo. un giorno ad ammirarlo ed un giorno a fare uhmmm!! io ci vedo trucchi, per cui dico a Renzi; sostegno ma però senza trucchi. ma pretendere un gioco senza trucchi ai truccatori e come sperare che da lupo nasca agnello o da volpe lepre. Ve ne ricordo uno; fino a qualche settimana fa non si sentiva parlare d'altro se non dell'emergenza di una nuova legge elettorale. lo dicevano tutti: da Napolitano in giù. Vi ricordate lo sciopero della fame di Giacchetti? vi ricordate le adesioni alla sua protesta per la legge elettorale che cancellasse il porcellum e rendesse finalmente l'Italia libera a misura del Pd? come mai ora è diventata roba indigesta? che sta accadendo al regime? si vuole consolidare? perchè non se ne parla più? Ha ragione il direttore Sallusti di premere perchè FI appoggi Renzi; ma perchè la nuova legge elettorale è diventata un incubo? cosa c'è sotto o sopra? io credo che Renzi voglia davvero rottamare il senato ma in cuor suo vuole rottamare anche Berlusconi. e ci sta già riuscendo perchè il clima che sta creando la sua azione è quello di fare sentire FI aggrappata alla lama e non al manico del coltello. ed allora FI ha paura di esercitare anche un movimento minimo. per cui io mi sono fatto questa idea partendo dai sondaggi che faccio con me stesso, misurando il mio umore, ossia sondando il mio stato d'animo: quando Berlusconi parla di moderati o di moderare i toni(ed anche i franceschi), l'umore cala di brutto. quando nel consiglio dei sessanta consiglieri dell'inutile consiglio nazionale di FI con dentro Mastella e nessun sardo a rappresentare l'isola, l'umore scende sotto i tacchi. quando Berlusconi dice di candidarsi comunque alle europee e parla dei golpe a suo danno e proietta all'esterno la sua determinazione di rigettare i servizi sociali e di sfidare i persecutori invocando diritto europeo, l'asticella dell'assenso sale molto in alto. e se dicesse, anche per recuperare il settanta per cento dei sardi del centrodestra che vogliono boicottare il voto o di votare Indipendentzia per lo sgarro del consiglio nazionale di FI(con Mastella dentro e la Sardegna esclusa), l'asticella salirebbe al massimo grado. C'è qualcuno a Il Giornale che possa riferire a Berlusconi la mia pressante istanza?

Ritratto di mina2612

mina2612

Mer, 02/04/2014 - 17:56

@Agrippina. Cambiare canale non significa ridursi il canone televisivo. Io sono una che non ho mai visto Floris, mi sembra peggio perfino di Santoro con quella sua aria da professorino! Che Rai3 sia improponibile, è un altro dato di fatto, così come tante altre trasmissioni. E siamo arrivati che persino le reti Mediaset si sono vendute alla sinistra!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 02/04/2014 - 18:40

Carissimi per non pagare il canone RAi occorre scrivere alla Rai di Torino, mandare nella lettera il bollettino della rottamazione dell'Apparecchio televisivo ed attendere la loro risposta; se tutto è stato fatto correttamente apla si è liberi. Non pensiate che non ho dovuto combattere; certo che ho combattuto ma dopo tre lettere scritte dall'Agenzia delle Entrate con minaccia di visite "notturne" o "diurne" da parte della G.d.F. tiutto si è silenziato. Basta non avere apparecchi ricetrasmittenti ma anche fosse che li abbiate, ricordate che la disdetta va fatta con largo anticipo sulla scadenza del pagamento del canone; quello che so voglio dirlo per correttezza. Se poi andiamo in profondità, sulle cose serie, io questo Floris nemmeno lo conosco, scusate l'ignoranza e quando ci mettiamo a tavola con tutta la famiglia, sapeste come stiamo bene senza Televisione; si parla, si ride e si mangia, dopo si digerisce. Alla Vita. Shalom

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 02/04/2014 - 18:41

M.Nanni,temo che abbiamo una idea completamente antietetica dei liberali vista la sua adesione ad un partito ed ad una classe politica che liberale non lo è assolutamente,tantomeno questo giornale ed il suo direttore.La Gelmini poi per carità...tornando alle trasmissioni della rai ve ne sono molte che non gradisco affatto tra cui ballarò e porta a porta,ma ve ne sono altre invece assolutamente meritevoli come presa diretta,guardo ciò che mi interessa o ciò che riesco a sopportare,ma sopratutto non ho alcuna intenzione di censurare o imporre la mia visione agli altri,del resto anche da chi pè distante dalle mie idee si può imparare qualcosa.Cordialità.

diwa130

Mer, 02/04/2014 - 18:52

Siamo un paese di cretini, questo e' evidente. Ci sono tantissimi paesi democratici con una sola camera e presidenti o premiers con poteri forti. Tutte queste balle sulla svolta autoritaria sono parole al vento di gente che non conta niente, perche' non ha fatto niente quando ne aveva l'occasione. Le riforme strutturali si fanno insieme, e se gli altri partiti avessero avuto un minimo di intelligenza, si sarebbero seduti al tavolo con Renzi e Berlusconi, avrebbero dato il loro contributo ed oggi parleremmo d'altro. Invece c'e' sempre un clima di guerra, e l'intelligenza e' finita nella spazzatura. Un clima da conflitto Israelo-Palestinese che francamente ha proprio rotto le scatole. Eh, ma Berlusconi e' un condannato, come se fosse stato diverso dal Berlusconi di 2 anni fa ! Non ci avrebbero parlato comunque, avrebbero detto e' inquisito, ha avuto avvisi di garanzia etc. Lungi da me difendere Berlu, non l'ho mai votato e la penso all'opposto di lui. Ma tutto si puo' dire meno che sia una persona intelligente, ha capito benissimo il progetto di Renzi e sulle riforme hanno fatto un'accordo. SOno certo che tutti e due manterranno la parola, mentri gli altri cretini, continueranno a fare quello che gli riesce meglio, appunto i cretini.

benny.manocchia

Mer, 02/04/2014 - 20:11

IN USA NON SI PAGA CANONE TV. CHI DETESTA UN CERTO PROGRAMMA NON LO SEGUE MENTRE IL PARTITO CHE DI SOLITO VIENE "COLPITO" NON MANDA UN SUO RAPPRESENTANTE,COSICCHE' I CAPOCCIONI SI BECCANO TRA DI LORO... UN ITALIANO IN USA

Anita-

Mer, 02/04/2014 - 20:19

Mi spiace contraddirla, Salusti, ma in Francia il Senato è elettivo - ogni 3 anni 150 000 grandi elettori scelti/eletti nelle amministrazioni locali eleggono e rinnovano metà dei senatori, e chiunque può presentarsi al posto di senatore. Inoltre il senato francese fa le leggi insieme alla camera dei deputati. La proposta di Renzi non sta in piedi, avrà voluto copiare i Francesi ma non ha capito niente: l'amministrazione periferica elegge il senato, non va lei stessa in senato!! E come può pensare di lasciare la camera libera di fare quello che le pare senza paletti di sorta? chi la controlla più? Renzi riuscirò a farci rimpiangere addirittura Monti! La gioventù e l'ambizione non servono se non c'è cervello. E questi sparano una cavolata al giorno. Credono forse che l'iper-attività sia segno di grande capacità?

m.nanni

Mer, 02/04/2014 - 22:01

agrippina, ho detto "noi liberali" tenendo conto anche della mia delusione di non esserci riusciti a diventare tali nell'azione di governo, nonostante i nostri stimoli, le nostre sollecitazioni, le nostre incazzature per l'adempimento della riforma in senso liberale dello Stato come da programma elettorale. delusione a parte, ti dico sinceramente che se stiamo dalle parti di Berlusconi (e non siamo in pochi)il motivo è semplice; non è soltanto perchè il bipolarismo ti chiede di schierarti ed io mi schiero dalla parte anticomunista, e antistatalista e forcaiola. in Italia abbiamo una sinistra che a definirla una disgrazia del Paese è essere anche benevoli. poi uno schieramento politico che ha come suo riferimento operativo le procure merita non tanto la mia opposizione ma perfino il mio disprezzo. questo non vuol dire che io sono soddisfatto dei "liberali", ma almeno ci tentano di introdurre riforme che diano senso a queste aspettative. e non fanno ricorso alle toghe amiche per abbattere il nemico, ma fanno ricorso, con tutte le limitatezze possibili, all'esercizio della democrazia per battere politicamente l'avversario. anche perchè un vero liberale ha avversari, e mai nemici.

lucas2

Gio, 03/04/2014 - 01:03

Bravo Sallusti, sono in perfetta sintonia con la tua analisi.

Ritratto di Massimo Schiavi

Massimo Schiavi

Gio, 03/04/2014 - 09:43

Caro Sallusti una volta eliminato il Senato rimarrà solo la Camera dove per concorso della Corte dei Miracoli il PD ha una maggioranza bulgara e tu ti fidi a farli governare fino al 2018 ? Meglio non fidarsi e far saltare questo tavolo pieno di bari ! Se non votano prima l'Italicum ostruzionismo senza limiti vediamo se Matteuzzo la capisce...

edo1969

Gio, 03/04/2014 - 12:48

... "senza i voti di Forza Italia nessuna riforma costituzionale potrà mai vedere la luce" ecco il problema, Sallusti. Siamo ancora nelle mani di 'sti pagliacci.

marco190701

Gio, 03/04/2014 - 15:52

Da un punto di vista istituzionale, il Senato di Renzi è un aborto senza capo né coda: non è chiaro chi ne farà parte, con quali criteri, con quale durata, non mi piace l'idea che i senatori a vita diventino 21 invece di 5, in generale non mi piace che un organo importante non sia eletto: se non si può farlo, aboliamolo. Abbiamo visto le elite nominate in europa ed italia che casini hanno fatto, non penso sia da istituzionalizzare questo sistema. Da un punto di vista politico continua la cupio dissolvi di Forza Italia, dopo l'appoggio a Monti e alle patrimoniali, dopo l'appoggio alla Severino con Berlusconi già condannato in 2° grado, dopo la simpatia che esprime per un governo di estrema sinistra che colpisce l'elettorato di FI, adesso si dà l'ok ad un Senato che sarà per decenni dominato dalla sinistra e dal presidente della repubblica che la sinistra nominerà. Sarebbe quasi impossibile capire queste c.....e se non pensando che la contropartita è una penosa o misera grazia o simili per Berlusconi. Dell'elettorato moderato non gliene frega più niente a nessuno. Pazienza, alle prossime elezioni vedrete il conto.

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Ven, 04/04/2014 - 10:24

Caro Alessandro Sallusti, ieri sono stato censurato, ma ti ripeto il termine Liberale non ha nulla, assolutamente nulla a che fare con questo giornale e col suo direttore(sic!) Prima di utilizzare certi concetti legga qualche buon libro! Li trova anche nelle edizioni del suo padrone!

mk1

Ven, 04/04/2014 - 10:29

@m.nanni - probabilmnete le sfugge che il canone non è per la RAI ma una "tassa sul possesso" di un apparecchio televisivo - ...se lei volesse guardare solo le TV commerciali private , sarebbe in ogni caso tenuto al pagamento del canone ...cortesemente ! ...basta mistificazioni !

Ritratto di marystip

marystip

Ven, 04/04/2014 - 11:55

Ma chi lo vede più quel compagno! Cambiare canale, non sintonizzarsi su trasmissioni sinistre, abbassare gli ascolti: è questa l'unica strada per farli fuori.