Roma svende i monumenti: Circo Massimo a 8mila euro

Marino chiede un'inezia per l'affitto dell'area, ma il concerto degli Stones frutterà agli organizzatori 7 milioni. L'opposizione: esposto alla Corte dei conti

Gli ultimi preparativi al palco del concerto romano dei Rolling Stones

Roma - A.A.A. Affarone. Ampio parco in zona storica affittasi per feste o concerti, anche di anziani, a prezzo d'occasione, quasi regalato. Chiedere di Ignazio.

Stasera a Roma, al Circo Massimo, suonano i Rolling Stones. E Roma si divide. No, non sul valore di una band che da mezzo secolo scrive la storia della musica contemporanea (Mick Jagger a quasi 71 anni è ancora molto più rock di molti suoi nipotini). I mugugni e le polemiche sono tutti per il prezzo richiesto dal Campidoglio per l'affitto per alcuni giorni di una delle sue aree più pregiate: 7.800 euro per 73mila metri quadri, circa 10 centesimi a metro quadro. La metà, per dire, del prezzo della suite dell'hotel St Regis che in questi giorni ospita i quattro Stones, che del grande albergo hanno preso ben due piani per il loro staff. «È una vergogna.

Faremo un esposto alla Corte dei conti per danno erariale: sì al concerto ma che paghino il dovuto. Perché Marino ha fatto pagare l'Occupazione di suolo pubblico solo per il giorno del concerto e non dall'11 giugno, giorno nel quale hanno iniziato a occupare l'area? Non mi sembra che con gli altri imprenditori o associazioni il Comune faccia lo stesso, o almeno così voglio sperare», si scandalizza Alessandro Onorato, capogruppo della Lista Marchini in Campidoglio. «Sappiamo bene che la cifra di 8mila euro è bassa - replica l'assessore alla Roma Produttiva Marta Leonori - e proprio per questo abbiamo già provveduto in sede di giunta ad aumentare l'occupazione di suolo pubblico per gli eventi a scopo di lucro di 2,5 volte. Ma questo cambio per essere operativo dovrà essere approvata dall'Assemblea capitolina».

Un aumento di 2,5 volte vuol dire che comunque il Comune con le future tariffe guadagnerebbe meno di 20mila euro per l'affitto di un'era di valore inestimabile messa a dura prova in questi giorni. «Mi chiedo - dice Federico Rocca, responsabile enti locali di Fratelli d'Italia-An - con quale coraggio la Sovrintendenza abbia autorizzato l'installazione di strutture molto ingombranti e impattanti. C'è un megapalco, torri, pedane, tribune più una serie di tir che vanno e vengono. Per eventi di minore impatto non c'è stata tutta questa tolleranza».

Il Circo Massimo ha già più volte negli ultimi decenni ospitato maxieventi del genere: i concerti di Antonello Venditti per i due scudetti della Roma nel 1983 e nel 2001, i Genesis nel 2007, Lady Gaga nel 2011. Ma in quei casi si trattava di eventi gratuiti, del quale tutta la cittadinanza avrebbe potuto godere. E quindi era legittimo pensare che il Comune non dovesse guadagnarci. In questo caso, invece, stiamo parlando invece di un concerto per 65mila persone che hanno potuto permettersi biglietti dal costo tra i 70 e i 180 euro. Basta una calcolatrice per capire che il fatturato dell'evento è di almeno 7 milioni, che andranno agli organizzatori dell'evento, l'agenzia Galli&D'Alessandro. Che, va detto, ha speso 40mila euro per pagare gli straordinari ai vigili, 23mila per tenere aperta più a lungo la linea B della metropolitana, 30mila per la pulizia dell'area, altrettanti per le ambulanze, 45mila euro per i bagni; e in totale ha investito 4 milioni sull'evento. Tutto il resto sarà guadagno. Per loro. A Roma resterà la mancetta di nemmeno 8mila euro e i disagi per la cittadinanza, con la chiusura (secondo il Codacons fin troppo anticipata) di molte strade attorno al Circo Massimo. Oltre alla satisfaction di avere ospitato un evento memorabile.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Tobi

Dom, 22/06/2014 - 08:36

io non sono d'accordo che in aree di interesse storico, artistico e religioso si tengano concerti rock (pensiamo anche e soprattutto alla bellissima Piazza San Giovanni di Roma ed al concerto del 1° maggio e simili). Le forti vibrazioni degli alti volumi sonori danneggiano i monumenti e le opere d'arte, senza considerare poi la sporcizia, imbrattamenti vari nelle zone circostanti. Io questi concerti non li permetterei in aree così delicate.

magnum357

Dom, 22/06/2014 - 08:38

E' tipico della sinistra gestire male i beni dello Stato: quanto costerà pulire e ripristinare l'area ? Paghi di tasca sua il sig.Marino. E' come i reperti di Pompei che sono stati prestati per una mostra che ha fruttato agli Inglesi una decina di milioni di sterline e all' Italia se è andata bene forse 50000 euro !!!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 22/06/2014 - 11:41

E se ci vendessimo questo rottame di Sottomarino? Come monumento vivente dell'idiozia ci faremmo molti più euri!!!!

giottin

Dom, 22/06/2014 - 13:19

Giusto fare gli esposti alla corte dei conti, però se è quella corte dove chi dovrebbe prendere decisioni sacrosante fa a gara per andare in pensione con le vecchie regole per prendere più soldi, beh allora, sarebbe meglio che la corte dei conti fosse formata da cittadini estratti a sorte!!!!

chiara 2

Dom, 22/06/2014 - 13:40

Tobi anche io la penso come Lei. Magnum: esatto, concordo con la Sua analisi. Questa gente "di sinistra" è cafona oltre che ignorante: come si può "imporre" un impatto tanto devastante ad un'area tanto antica per denaro e poi predicare che si ama la cultura e si è i migliori sulla terra!

lucianissimo

Dom, 22/06/2014 - 13:51

LA VERA DOMANDA DA PORSI, DI FRONTE A TANTA SCEMPIAGGINE E': QUANTI BIGLIETTI OMAGGIO HANNO AVUTO AL COMUNE PER FAR PAGARE UNA CIFRA COSI' RIDICOLA? 1000, 5000 ?

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 22/06/2014 - 14:19

Marino il sindaco di Roma più cretino. Era così difficile dire ai Rolling Stones: Se volete suonare al Circo Massimo dobbiamo fare a metà con l'incasso, altrimenti per 8.000 euro vi posso offrire la discarica di Malagrotta, visto che quei soldi mi basteranno appena per pagare straordinari ai monnezzari, ai vigili urbani e a tutto il resto dei parassiti che, per una ragione o per l'altra, sono stati comandati al Circo Massimo per scroccare il concerto gratis!

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 22/06/2014 - 17:01

Ma perché non se ne torna in America? O forse lì non lo vogliono più?

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 22/06/2014 - 17:04

Una follia, che per altro si ripete immancabilmente. Evidentemente a qualcuno fa comodo così.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 22/06/2014 - 18:22

Dare monumenti di Roma a questa feccia americana è un sacrilegio

Ritratto di daybreak

daybreak

Dom, 22/06/2014 - 18:37

Vergognati Marino e chi per te noi Romani siamo stufi non e' piu' una citta' vivibile questa e poi a noi Romani ci dissanguate fra un balzello e l'altro e poi date il Circo Massimo a quattro vecchi con badanti a seguito per 8mila euro?E' meglio scappare da questa citta' che fino a 25 anni fa era bellissima ora ridotta una cloaca e se trovi ancora un Romano hai fatto bingo.