Santanchè: "Serve un partito forte che argini Renzi"

La deputata di Forza Italia: "Il premier vuole i nostri voti". Su Berlusconi: "Il 10 aprile sarà un giorno drammatico per la democrazia"

"Bisogna dire con chiarezza alla nostra gente che Renzi è come il pifferaio magico: suona, si fa seguire dai topi e li porta ad annegare nel laghetto". Lo ha detto Daniela Santanchè in un'intervista a LaRepubblica.

"Non metto in discussione il patto siglato da Berlusconi", aggiunge la deputata di Forza Italia, "È Renzi che lo sta mettendo in discussione. Se l'Italicum era l'emergenza, perché lo rimanda? Mantenga fede agli impegni. Non è che ci rincoglionisce". E sul premier Matteo Renzi spiega: "Il vero problema è che sta blandendo Forza Italia. Ha bisogno di noi. Ci coinvolge non perché gli siamo simpatici, ma perché punta ai nostri nove milioni di elettori. Tutti dicono Renzi ci piace, Renzi è bravo. Non è bravo, è un nostro avversario e fa cose di sinistra. E noi siamo all'opposizione. Renzi usa ingredienti liberali che ci piacciono, ma poi confeziona una torta di sinistra. Un esempio? Le Province. Dice di abolirle, in realtà le trasforma in Province rosse e non elette. Come il Senato rosso, al quale dobbiamo dire no".

E sul futuro del partito sottolinea: "Forza Italia deve essere forte per vincere le Europee, del resto me ne frega nulla. È giusta l'intuizione di Berlusconi sui club, ma è altrettanto importante un partito forte che impedisca a Renzi di fare il cavolo che vuole. Non serve un movimento politico che dica signorsì al premier".

Sulle condizioni di Berlusconi e sul fuorionda di Giovanni Toti e Mariastella Gelmini, la Santanché commente: "A me non piacciono le cose rubate. Non posso dar loro peso perché è contro la mia mentalità. Sono come le intercettazioni. Berlusconi sta benissimo! Piuttosto, è in atto il quinto colpo di Stato. Perché, lo ricordo, Renzi non è stato eletto".

Sulla data del 10 aprile, quando saranno decisi i domiciliari o i servizi sociali per Silvio Berlusconi, aggiunge: "Il 10 aprile non è come altri, è un giorno drammatico per la democrazia. Avrei voluto vivere quel giorno diversamente da come me lo fanno vivere. Per me sarebbe valso una rivoluzione: non è mai troppo quando si parla di libertà".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di luigipiso

luigipiso

Dom, 06/04/2014 - 12:14

Ecco bravi, farete un partito dal 15%. Bel modo di aiutare berlusconi.

wall333

Dom, 06/04/2014 - 12:20

Ma questa donna fa passare all'uomo la voglia di donna.

Ritratto di Izdubarino

Izdubarino

Dom, 06/04/2014 - 12:25

Serve un partito di onesti che faccia il bene dell'Italia.

scipione

Dom, 06/04/2014 - 12:26

Santanche' ,innanzi tutto UNITA'.Non litigate altrimenti i sinistronzi strumentalizzano e gridano alle lotte interne e allo sfacelo del partito.

antonioball73

Dom, 06/04/2014 - 12:27

povero sallusti che oltre a scodinzolare x berlusconi deve anche dare visibilita' alla sua tipa che viene ignorata anche dagli altri lecchini di partito.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 06/04/2014 - 12:29

Coraggio On. Santachè io sono con lei per il coraggio che dimostra e per le parole sempre alte che dice; Renzi per Noi non è che un parolaio ed è alla stregua di Grillo soltanto con duecento parlamentari in più; quindi buttiamo giù il Governo. Andiamo ad elezioni e vincimo per i nostri figli e nipoti se veramente teniamo alla Nos. Italia ed ai Nos. VAlori Cristiani; stanno rovinando tutto in pochi mesi e forse gli Italiani non si sono accori. Shalom

Atlantico

Dom, 06/04/2014 - 12:37

Ormai la Santanchè per farsi notare deve rivolgersi a Repubblica. La sua nemica Francesca l'ha ostracizzata.

Ritratto di pipporm

pipporm

Dom, 06/04/2014 - 12:46

Condivido l'allarme della Santanchè: il 10 aprile sarà un giorno drammatico. Molti nel FI rischiano di non essere più eletti, lei compresa

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 06/04/2014 - 12:47

Certamente. Con un leader diverso che non sia "in affari" con la sinistra.

luigi civelli

Dom, 06/04/2014 - 12:50

Articolo di riporto: ma è mai possibile che la Santanchè,big di Forza Italia,per avere un po' di visibilità debba rilasciare interviste all'odiato quotidiano di De Benedetti, la repubblica?

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 06/04/2014 - 12:54

A questo punto non vedo quale possa essere l'evoluzione del "patto" stretto tra il furbetto e un Berlusconi ormai arrivato a fine corsa. Renzi, l'uomo delle chiacchiere, impera, anche grazie all'appoggio dei "traditori", mentre il popolo bue sonnecchia. Una cosa è certa: senza aiuti esterni Renzi non ha il "potere" sufficiente a cambiare la costituzione e quindi - se durerà 4 anni come spera - porterà il bel paese allo sfacelo. Berlusconi vuole questo risultato? Se Renzi continua sulla sua strada, in conflitto con tutti, anche con i suoi "compagni", si taglino ponti e si aspetti che crolli da solo per poi andare a votare con il Mattarellum, una pessima legge che dovrebbe risorgere dalle sue ceneri grazie alla Corte. Nel frattempo il bel paese andrà in rovina, ma per colpa di Renzi e di coloro che lo manovrano, dato che il furbetto ha pensato bene di non varare subito una legge maggioritaria capace di costringere il Paese ad una svolta ... sempre che ciò sia ancora possibile.

cronin

Dom, 06/04/2014 - 13:01

Cosa farà la signora. Userà i banconi dei negozi Hermes per fate le barricate ?.per cortesia!

antonioball73

Dom, 06/04/2014 - 13:10

10 aprile festa nazionale,delinqenti in carcere e lecchini a spasso...e mica finisce qui,dovete anche ridarci i nostri soldi...quelli che,evadendo,il nano ha regalato a gente come santanche'.mo viene il bello servi

Ritratto di Sanlusti

Sanlusti

Dom, 06/04/2014 - 13:47

"... Non è che ci rincoglionisce ...". Ovviamente la deputata dell'ex pdl fa a gara con sè stessa, cioè con la Garnero, alias la Porcanchè, per mettere in evidenza non chi la sa raccontare, ma chi la sa dire più sporca!. La vicinanza ai maiali, rende porche.

soldellavvenire

Dom, 06/04/2014 - 13:50

cara daniela di rivoluzioni ne fa giá tante silvio: sul proprio asse, più del pianeta mercurio

maubol@libero.it

Dom, 06/04/2014 - 14:08

Non c'è bisogno di arginare Renzi! O sta ai patti o va a casa da solo!

beale

Dom, 06/04/2014 - 14:11

non un partito forte ma semplicemente un parlamento. a cosa serve un partito se un parvenu della politica tiene sotto scacco il parlamento grazie all'appoggio di un presidente della repubblica che si è fatto re.

BRAMBOREF

Dom, 06/04/2014 - 14:19

GIGI85

INGVDI

Dom, 06/04/2014 - 14:35

Cara Santanchè, sono d'accordo con lei. Ma quello che dice lo dovrebbe gridare a Berlusconi che è stato il primo ad osannare il pifferaio. Forse, questi ultimi giorni, l'ex Cavaliere si è accorto dell'errore fatto.

mk1

Dom, 06/04/2014 - 14:52

quinto colpo di stato ! oh Sallusti ! ....ma se buono di farla tacere ogni tanto ?

INGVDI

Dom, 06/04/2014 - 14:59

Bisogna aggiungere che questo abbraccio con il capo del PD, un partito antitetico a FI, è un'offesa a tutte le persone dal pensiero libero e soprattutto non omologato alla cultura becera della sinistra.

buri

Dom, 06/04/2014 - 15:01

certi accordi su punti ben definiti di riforme da fare non significa che il sostegno a Renzi deve esser assicurato per tutte le iniziative del governo, tanto più che Renzi interpreta gli accordi a secondo delle convenienze del PD, quindi non vedo perché la Santanché non può invocare un partito forte

Mannik

Dom, 06/04/2014 - 15:57

Si, seguendo lei invece si finirebbe non nel laghetto, ma nella melma

m.nanni

Dom, 06/04/2014 - 17:44

Daniela Santanchè ha perfettamente ragione e noi l'abbiamo scritto prima di leggere la sua intervista.che è inaccettabile questa riforma del Senato. perchè svuotarlo di senatori e riempirlo di sindaci? riduciamo il senato a sessanta senatori e facciamoli eleggere dal popolo. le province le vogliamo abrogare? commissariamole, senza riempirle di sindaci a dismisura. e su Berlusconi chiediamo una sua reazione anche al 90°. la sera del nove corrente mese convochi una conferenza stampa europea; si tolga tutti i sassi e le roccie dalle scarpe e racconti al mondo anche nei dettagli i vent'anni di persecuzione bestiale; racconti della democrazia decapitata.Berlusconi deve fare,rispetto alle decisioni dei giudici di Milano, sulla commutazione della pena; se i domiciliari o i servizi sociali. Inizierei a dire, tuttavia, quello che Berlusconi non deve fare: non deve richiedere la grazia a Napolitano; non deve accettarla neppure con la pistola all'orecchio. Non deve accettare, neppure morto, il degrado e la provocazione della "rieducazione" ai servizi sociali. Non deve accettare neppure gli arresti domiciliari. Non deve accettare meno che mai la sentenza di condanna e visto che gliel'hanno cucita addosso sbrigativamente e ferialmente; la deve respingere con un urlo di disprezzo. Ecco cosa deve fare: denunciare l'enorme sopruso e la spietata persecuzione ventennale subita(davanti agli occhi di tutti noi) ed invocare il diritto europeo visto che questa Italia gliel'ha negato. E se proprio i giudici si sentono obbligati ad applicare la condanna gli aprano la porta del carcere e lo rinchiudano dentro. E così sarà davvero, con Berlusconi "finalmente" dietro le sbarre, una bella giornata per la giustizia italiana, per il capo dello Stato ma, soprattutto per la democrazia italiana. Silvio, lo chiediamo a gran voce: REAGISCI anche al 90°; i consensi sbalzeranno di colpo al trenta per cento; diversamente sarà la fine!!!

scipione

Dom, 06/04/2014 - 18:29

luigipiso,per tua conoscenza l'ultimo sondaggio di Euromedia da' Forza Italia UNITO E IN CRESCITA al 21.6%.Cosi' tanto per evitarti di dire str...te.( Ne dici continuamente e ad ogni post,ma con qualche informazione ,forse,ne dici di meno ).Pace e bene.