È tornato il Pci: Bersani fa autocritica sull'Unità

Il segretario dimissionario: "Davanti alla prima responsabilità abbiamo fallito"

RomaSegretario o reggente? Di garanzia o con poteri? Futuro premier o un travicello che ricostruisca il partito per la maggior gloria di Renzi? Guglielmo Epifani o Gianni Cuperlo? O Sergio Chiamparino, che avanza su ciò che resta, poca cosa, del Pd conosciuto fin qui?
Ma per ora c'è Pier Luigi Bersani, il leader dimissionario. La cruciale Assemblea di sabato è infarcita di suoi (ex?) fedelissimi, per cui converrà partire da lui, dalla sua idea di una «figura di largo consenso che sia di garanzia per tutti» («Non ne vedo», il dispettoso contraltare della Bindi). E da un gruppo dirigente che, «per essere dimissionari, è parecchio attivo», lamenta Pippo Civati, unico oppositore in grado di metterci la faccia e pronto a fare un Pd «aperto e inclusivo da un'altra parte».
Il contrordine compagni del segretario ha la forma di un'autocritica, non la sostanza. È affidato alle colonne dell'Unità, che così titolava l'atto di accusa di Bersani a chi l'ha tradito (cioè tutti): «Il Pd ha mancato la prova».
Di fronte alla «prima vera responsabilità, non siamo riusciti a saltare l'asticella», ha spiegato il risentimento del Capo. Le cui dimissioni «spero possano servire a qualcosa, a incoraggiare una discussione vera, a decidere correzioni profonde rispetto al nostro modo di essere». In quel nostro, però, non si avverte affatto l'io errante (cioè che sbaglia) che pure tanto ha influito sullo sbandamento generale. Tutt'altro: «Non ho intenzione di ricostruire passaggio per passaggio quelle giornate perché sarebbe doloroso per me e umiliante un po' per tutti. Mi fermo su un punto incontestabile: siamo venuti meno a decisioni formali e collettive».
In questo richiamo all'oggettività, Bersani sa di non poter essere smentito: la mattina dell'adesione «entusiasticamente collettiva» alla candidatura di Prodi, «nessuno aveva appoggiato la mia richiesta di voto segreto» sulla proposta. Verissimo. Ma forma, non sostanza. Perché quella mattina, quando il leader non aveva ancora finito la frase: «Per me questo candidato è Romano Pr...», prevalse un applauso trascinante che aveva tanti significati di carattere liberatorio, tranne uno. Che davvero si volesse Prodi al Quirinale. Fu una forzatura, non si sa quanto sospinta dagli uomini del segretario e quanto da altre forze sotterranee e con interessi contrastanti all'interno del partito. Magari persino quella di dirigere il frettoloso e ondeggiante Schettino contro gli scogli, dopo l'onta dell'inchino a Grillo («Sbaglia chi sostiene che mi sarei fatto umiliare da Grillo, l'arroganza umilia chi la mostra»).
Questo accadde, e Bersani ancora una volta si autoassolve senza aver davvero compreso che il partito è cambiato dall'interno, anche per l'irruzione di giovani trentenni che magari, come trapela da lui stesso in un altro passaggio, dispiacendosene molto, considera vittime della «lunga semina della cultura berlusconiana che ha messo frutto anche nel nostro campo». Tanti gli errori del partito, disaminati come se non fossero (anche) i propri: «Ci eravamo indeboliti caricandoci addosso la responsabilità dello stallo... (è emerso) un deficit di autonomia, una nostra incomprensibile permeabilità, una difficoltà a esercitare un ruolo di rappresentanza, di orientamento, di direzione». E infine, «l'irrompere di rivalse, ritorsioni, protagonismi spiccioli». Il suo, effettivamente, non lo è; piuttosto appare come stupore disperato di chi parla una lingua superata dalla storia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Lun, 06/05/2013 - 08:39

Ecco perché il cav. "comunista" non lo diventerà mai. Nonostante i suoi errori l'autocritica non la farà mai.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 06/05/2013 - 09:04

Ha fallito in modo totale, ma soprattutto ha bloccato per due mesi la politica e quindi il Paese, forse in attesa di un miracolo. Ha rottamato D'Alema ed ora tocca a lui, spazio ai giovani, possibilmente lontani dal modello filosovietico.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 06/05/2013 - 09:09

ecco chi è bersani: il prodotto della cultura comunista e antiberlusconiana. non era difficile che avrebbe fallito, ed infatti ha fallito, il prossimo a fallire potrebbe essere renzi, se continuerà ad attuare l'antiberlusconismo e l'autolesionismo comunista....

Ritratto di manasse

manasse

Lun, 06/05/2013 - 09:12

è la solita storia che non cambia MAI sono nati comunisti e COMUNISTI restano,adesso torneranno all'ante muro con riunioni a porte chiuse(sbarrate) e un unico portavoce e allora è sempre valida la battuta del comunista di "quelli della notte" non capisco ma mi adeguo alleluia

motofrera

Lun, 06/05/2013 - 09:19

ieri il sindaco di bari, in una intervista a TG com 24, definiva affettuosamente bersani e i suoi sostenitori: post comunisti. io toglierei il "post"

guidode.zolt

Lun, 06/05/2013 - 09:21

Perchè intervistare bersnev le cui idee non interessano nessuno... mi sembra un'idea bislacca!

Ritratto di Cinghiale

Cinghiale

Lun, 06/05/2013 - 09:31

Bersani non hai ancora capito che le elezioni per poter governare bisogna vincerle e tu non le hai vinte. Sei proprio di coccio.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 06/05/2013 - 09:31

Lascia la politica e torna al mezzolitro.

Azzurro Azzurro

Lun, 06/05/2013 - 09:47

Questo qui parla per quello che e' un Komunista anni 70. Se l'arroganza umilia di la mostra be lui e' molto arrogante

killkoms

Lun, 06/05/2013 - 09:53

autocritica?dovresti demolire qualche tratto del muro di berlino a testate,beota!con tanti accademici delle frattocchie ed assimilati nel tuo partito vai a regalare le cariche istituzionali ad un acquisto di comodo(grasso)e ad un personaggio in cerca d'autore espresso da uno pseudopartito che col suo 3% non sarebbe mai entrato in parlamento se non si aggregava al pidd^!e quel pseudo partito,invece di ringraziarti, ti ha pure mollato!

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Lun, 06/05/2013 - 10:09

mortimermouse: Dire che non è opportuno che il cav. presieda la commissione per la riforma della costituzione è praticare l'antiberlusconismo, o peggio essere comunisti? Alle 9,09 non è un po' presto per aver alzato il gomito?

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Lun, 06/05/2013 - 10:14

Come siete nostalgici!!!

Roberto Benso

Lun, 06/05/2013 - 10:21

Bersani, come al solito, ha delle intuizioni geniali. Ma non viene capito.

antoniociotto

Lun, 06/05/2013 - 10:27

wuoè gargamella, il komunismo è finito. adesso resterà solo il nocciolo duro quelli che hanno voglia di lavorare non vi seguiranno più, adesso finalmente hanno capito che la dottrina di sinistra non da frutti. se si vuole un paese veramente democratico,libero ed economicamente forte occorre ridurre la spesa ed incentivare la voglia d'impresa.

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Lun, 06/05/2013 - 10:54

I comunisti chiedono democrazia nel partito:cioè nel museo che dovrebbe proteggere gli ultimi resti di libertà, di parola e di pensiero, che, nel paese, dovrebbe spariredel tutto.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 06/05/2013 - 11:01

CIOMPI e perchè mai? la sinistra ha praticato antiberlusconismo da 20 anni, ormai abbiamo imparato a tenere sott'occhio la sinistra comunista, bugiarda, opportunista, menefreghista, tangentara e mafiosa :-)

marco46

Lun, 06/05/2013 - 11:03

Ma quando n'è avete azzeccata una voi komunisti, e dire che voleva governare l'italia senza vincere le elezioni politiche, questo pollo.

Ritratto di foresto

foresto

Lun, 06/05/2013 - 11:13

Il PD continua a non capire che la societa' e' cambiata e per paura di perdere voti alla sua sinistra ad ogni tornata elettorale si associa sempre con personaggi "impresentabili" i quali, al contrario, non lo fanno progredire. Non so chi sara' il nuovo segretario, ma solo per il fatto che venga proposto Epifani la dice lunga sul nuovo che avanza. Quanti anni dovranno ancora passare perché diventi un partito socialdemocratico all'europea abbandonando completamente le vecchie ideologie?

Ritratto di alejob

alejob

Lun, 06/05/2013 - 11:30

Il PD non potrà mai diventare un partito social-democratico. La mentalità dei pidiessini Italiani è quella di distruggere coloro che hanno fatto, "Lavorando", un patrimonio. Solo una parte di essi chiamati "Furbastri" dimostrano di appartenere al partito, ma a distanza, facendo i sorgnoni, fanno i loro comodi.

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 06/05/2013 - 11:38

2invio.Nei paesi democratici chi perde sparisce, da noi si rifritturano sempre nello stesso olio.Ma quando la finisco e si levano dalle p.lle

eglanthyne

Lun, 06/05/2013 - 11:55

A.A.A.cercasi DISPERATAMENTE :PRESIDENTE SEGRETARIO REGGENTE per bocciofila di Bettola.

roberto.morici

Lun, 06/05/2013 - 12:04

@CIOMOI. Più che "autocritica", quella di Bersani è un'accusa non troppo velata al comportamento dei suoi. Da quelle parti il Capo non sbagli mai.

Massimo Bocci

Lun, 06/05/2013 - 12:14

Comunismo e FALLITI, un binomio inscindibile per i più grandi CRIMINALI (LADRI!!!) dell'UMANITÀ'!!!!

km_fbi

Lun, 06/05/2013 - 12:19

«Ci eravamo indeboliti caricandoci addosso la responsabilità dello stallo... (è emerso) un deficit di autonomia, una nostra incomprensibile permeabilità, una difficoltà a esercitare un ruolo di rappresentanza, di orientamento, di direzione». In sostanza, si conferma che il chiacchierificio, quello che produce vaniloqui quanto mai sterili di contenuti e quindi di prospettive e risultati rivolti a costruire progetti per il bene del paese - come quello riportato nell'inciso - resterà ancora aperto per molto tempo, fino a quando gli ultimi epigoni del "centralismo democratico" di scuola sovietica e del cattocomunismo dossettiano non si saranno finiti a vicenda, sfinendo contemporaneamente il proprio elettorato, che non può capirli.

External

Lun, 06/05/2013 - 12:37

Il NON 26° Presidente del Consiglio dei Ministri Italiano ha parlato. Se non considera umiliante aver dover sottostare alle richieste del movimento 5 stalle che l'ha obbligato ad un pantomima in diretta streaming, con uno che si appisolava e l'altra che non conosce l'età minima del presidente della NOSTRA repubblica, non oso immaginare cosa avrebbe fatto in europa e con la taglia forte merkel.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 06/05/2013 - 12:55

Se si pensa che il 'glorioso' (si fa per dire) ex PCI, diventato ora PD, aveva come segretario una nullità come Bersani, si deve ritenere che quei due cialtroni di Togliatti e di Berlinguer nelle loro tombe devono frullare come i cestelli di una lavatrice.

gesmund@

Lun, 06/05/2013 - 13:07

Si è comportato come un tipico segretario del PCI, esclusi Togliatti e Berlinguer che "tipici" non erano. Quello era il ruolo di Vendola, ma non ha avuto l'intelligenza politica di capirlo. Comunque, è vero, hanno fatto tutto loro e ci hanno divertito assai, ma non sorpreso.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 06/05/2013 - 13:16

Sembra che a parlare sia un povero imbecille, e invece... lo è! Adesso salta fuori che lui, che per due mesi si è intestardito sull'impossibile amore con "alcuni" grillini, lui non c'entra e arriviamo al trionfo finale: è colpa di Berlusconi. Secondo me, questo è da ricoverare. Certo che anche il serafico letta, che lo ha fiancheggiato e appoggiato per tutto questo aberrante percorso, qualche merito ce l'ha... ma oggi non si può dire, perchè dobbiamo tenercelo buono, pensa te!

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Lun, 06/05/2013 - 13:40

Jasper: si sciacqui la bocca prima di pronunciare il nome di Berlinguer. Parola di un NON comunista.

il gotico

Lun, 06/05/2013 - 13:51

che personaggio povero, medioevale nei pensieri, quando riesce a partorirne uno. possibile che un terzo degli italiani abbia votato uno così ? Ma non vi siete accorti prima di che pochezza rappresenti ? davvero speravate in uno che al posto di programmi e progetti per il paese, vaneggia e sbrodola poemi sui giaguari e sulle bambole ? Ma non vi è passato nemmeno per un secondo dal cervello l'idea dei danni che può fare uno così ? Svegliatevi, questo non è in grado di costruire nulla, solo distruggere... pensateci prima la prossima volta.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 06/05/2013 - 13:53

Bersani, é il suo partito sono i colpevoli se il nostro Paese non puo uscire dal vicolo cieco in cui é l,Italia, chi pensa che con l,Ideologia Komunista puo risolvere i problemi della disoccupazione é della Economia si illude in questo, senza una chiara veduta della situazione italiana il pdpci é destinato a sparire dalla scena politica Italiana, il Komunismo é morto e sepolto, ma sono in Italia é ancora vivo é noi paghiamo questo grande sbaglio con Milioni! di disoccupati é miseria!.

killkoms

Lun, 06/05/2013 - 18:12

@wilwgio,quando vedo"que"personaggio,mi torna sempre in mente una battuta"marxista",ovvero dei fratelli marx;i famosi fratelli comici americani!in un loro film,groucho marx,che in un tribunale fà l'improvvisato avvocato difensore del fratello chico,dice al giudice più o meno così,"vede quest'uomo signor giudice?a prima vista sembra un idiota;parla come un idiota;ma non abbia alcun dubbio:è proprio un idiota"!

Azzurro Azzurro

Lun, 06/05/2013 - 21:31

ma questo qui non era quello che voleva ul paese come una bocciofilia? ma sparati cretino komunista sei inutile. PS. vai a vedere cosa e' succeso nel 1989 al muro di BERLINO fallito

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 07/05/2013 - 18:37

Bersani sembra un cretino, parla come un cretino, agisce come un cretino, allora deve essre proprio un cretino....di sinistra.

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 07/05/2013 - 18:54

@CIOMPI: Berlinguer, un cialtrone comunista dalla schiena diritta come quella d'un verme.

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 07/05/2013 - 19:01

Berlinguer aveva tutte le qualità che i cretini di sinistra apprezzano nei loro eroi. Era un cialtrone e un farabutto comunista. La combinazione rendeva e rende popolari tra la marmaglia rossa.