Vendola vuol fare lo sciacallo: "Pronti a entrare in un governo di scopo"

Il leader di Sel: Letta è un incubo. E si fa avanti indicando la priorità del nuovo governo: "Via il Porcellum"

Vendola vuol fare lo sciacallo: "Pronti a entrare in un governo di scopo"

Dopo aver rifiutato con sdegno le larghe intese Vendola ora fa lo sciacallo. Lo rivela lui stesso dicendo di voler mandare a casa il governo Letta per insediare un esecutivo di scopo che cancelli il Porcellum. In un'intervista a Repubblica il leader di Sel mostra le sue carte: "Se il governo Letta cade, è obbligatorio cercare dentro le aule parlamentari una nuova maggioranza per chiudere alcune delle partite più drammatiche aperte, esodati e cassintegrati, e per cancellare l’attuale legge elettorale, il Porcellum". Il governatore della Puglia ovviamente non perde occasione per "sparare" contro Berlusconi. Dice di aspettarsi la decadenza dal Senato: "Me l’aspettavo ieri - spiega -. L’anomalia è il fatto che, nonostante i rapporti con Cosa Nostra, con ambienti della massoneria deviata e nel frattempo le vicende di fanciulle, faccendieri, stallieri, un protagonista come Berlusconi abbia potuto calcare la scena pubblica per oltre un ventennio, cosa che non sarebbe stata possibile in nessuna altra parte del mondo civile e democratico".

E su questo punto insiste: "Le mosse dilatorie del Cavaliere sono piuttosto ininfluenti dal punto di vista dei compiti della Giunta del Senato e questa volta non funzionano - aggiunge - Le modalità con cui Berlusconi ha rinviato o impedito i conti con la giustizia, sono la storia di questo ventennio".

Vendola dice poi di non credere all’ipotesi di un governo Letta-bis con i transfughi del Pdl. Per lui si tratta solo di fantapolitica. "Penso che dobbiamo togliere di mezzo il veleno dell’attuale legge elettorale - sottolinea - così da tornare alle urne e immagina un "tipico governo di scopo con un mandato limitato. Le condizioni per un governo organico di cambiamento oggi non ci sono".

E del governo di scopo, da lui auspicato, Vendola tratteggia le caratteristiche: mandato limitato per riportare l'Italia verso elezioni "democratiche che ci restituiscano la normalità". Ma Grillo dovrebbe farne parte? Per Vendola il leader del Movimento 5 Stelle si è fatto da parte da solo: "Ha congelato la sua rappresentanza parlamentare nel nome di un cinismo politico che fa impallidire il peggio della vecchia politica".

Niente segnali di pace, dunque. Almeno per ora.

Commenti

Grazie per il tuo commento