Il vescovo di Senigallia "scomunica" Vendola: "Vive da pervertito..."

Duro attacco del monsignore: "Vendola non è cattolico e vive da pervertito"

Il governatore della Puglia, Nichi Vendola
Il governatore della Puglia, Nichi Vendola

"Vendola non è cattolico affatto e vive, secondo la nostra visione, da pervertito". In una intervista al sito Pontifex, monsignor Odo Fusi Pecci, vescovo emerito di Senigallia, ha duramente criticato la situazione sentimentale del governatore della Puglia Nichi Vendola che, alcuni mesi fa, aveva detto pubblicamente che vorrebbe sposare il compagno, l’italo-canadese Ed Testa.

Una dichiarazione che è destinata a suscitare forti polemiche. Discutendo sui matrimoni omosessuali, il vescovo di Senigallia ha ribadito uno secco "no" spiegando che "le relazioni omosessuali sono contrarie al piano di Dio" dal momento che "sono in contrasto con quanto Dio ha deciso e chiaramente detto". "Dio li ha creati donna e uomo - ha continuato monsignor Odo Fusi Pecci - affinché potessero responsabilmente riprodursi. Ora dalla unione di due uomini o due donne, questo non può accadere. Tale idea, pertanto, è contrastante con le Verità e dunque con giustizia e pace". A settembre, in occasione della festa dell’Unità di Reggio Emilia, Vendola aveva scoperto le carte affermando di voler sposare il suo compagno. "Se mi spoglio del ruolo di leader politico, avverto una rabbia - aveva detto il leader di Sel - mi trovo a vivere in un Paese il cui ritardo ha segnato la mia vita, ferito i miei desideri, diminuito i miei diritti". A queste parole, però, il vescovo emerito di Senigallia ha accusato il leader del Sel di essere un "pervertito".

Commenti