Kabul, attacco kamikaze all'aeroporto: due morti Rivendicato dai talebani

Un kamikaze al volante di un’autobomba si è fatto saltare in aria all’ingresso principale dell'aeroporto di Kabul. Due vittime civili, feriti quattro soldati: tre americani e un belga. Nessun italiano coinvolto. Video

Kabul, attacco kamikaze 
all'aeroporto: due morti 
Rivendicato dai talebani

Kabul - Due civili sono stati uccisi e altri sette sono i feriti per l’esplosione di un’autobomba questa mattina vicino all’aeroporto di Kabul. Lo ha riferito un funzionario dello scalo afgano, spiegando che l’esplosione è stata forte e sono andati in frantumi i vetri della finestra del suo ufficio. Situato a est della capitale, l’aeroporto è utilizzato anche come base delle truppe internazionali. Un portavoce del ministero dell’Interno, Zemarai Bashary, ha quindi confermato che "l’attacco suicida è stato compiuto nei pressi del cancello del settore militare dello scalo".

I talebani rivendicano l'attacco I talebani hanno rivendicato l’attentato di questa mattina contro la base dell’Isaf all’aeroporto internazionale di Kabul, dove un kamikaze al volante di un’auto-bomba si è fatto saltare in aria all’ingresso principale del complesso, pochi chilometri a est rispetto al centro della capitale. Nell’attribuire al suo movimento l’assalto, un portavoce degli ex studenti coranici, Zabibullah Mujahid, ha affermato che loro obiettivo erano proprio i militari della stessa Forza Internazionale di Assistenza per la Sicurezza guidata dalla Nato. L’esplosione è avvenuta intorno alle 8,30 del mattino ora locale, quando in Italia erano circa le 6, ed è stata così violenta da poter essere udita anche a grande distanza; ha sviluppato un vasto incendio, con colonne di fumo e fiamme alte fino al cielo.

La dinamica Stando al racconto di alcuni testimoni oculari, gli assalitori sarebbero stati almeno tre, alla guida di altrettanti fuoristrada: a esplodere sarebbe stato il terzo veicolo, appena giunto a ridosso delle barriere di protezione in cemento. L’attentato fa seguito a quello del 15 agosto scorso contro il quartier generale della Nato nel cuore di Kabul, pochi giorni prima delle elezioni presidenziali e provinciali, che fu attribuito ai Talebani. 

Nessun danno agli italiani Nell’attentato suicida non è stato coinvolto alcun militare italiano. "Nessuno dei nostri militari - ha spiegato il tenente colonnello Fabio Mattiassi - è in servizio in quella zona. Abbiamo effettivamente una quindicina di persone del Nucleo transiti (Jmou) che svolgono funzioni di assistenza ai velivoli (C130 e C27) che portano e riportano indietro le truppe e il personale italiano dispiegato in Afghanistan. Ma loro - ha concluso - operano lontano dalla zona dell’attentato".