L’associazione delle tlc europee difende Telecom in Argentina

Dopo l’interrogazione dell’Europarlamento alla Commissione europea, la vicenda Telecom Argentina è stata sollevata anche da Etno, l’associazione europea degli operatori di tlc, con una lettera a José Manuel Barroso. «Alla luce delle relazioni Ue-Argentina - incoraggiamo la Commissione a prendere tutte le misure necessarie verso il governo argentino per chiarire che un clima politico e regolatorio affidabile e sicuro è condizione fondamentale per tutti gli investimenti delle imprese europee in Argentina». I timori di Etno nascono dagli sviluppi che stanno colpendo l’attività di Telecom Argentina, la controllata del gruppo italiano nel Paese, e i rischi che le azioni di Buenos Aires possono avere sugli investimenti europei nell’area. In particolare, Telecom ha ricevuto l’ordine di disinvestire rapidamente i propri asset in Argentina. Intanto Marco Fossati, uno dei maggiori azionisti di Telecom, ha ribadito il parere positivo a un’eventuale fusione con Telefonica. L’operazione «darebbe un immenso valore industriale e genererebbe significative sinergie», ha detto Fossati che però non fa parte di Telco, la holding che controlla Telecom.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.