«L’Europa è un baluardo contro i nazionalismi»

Massimiliano Scafi

da Roma

Più «unità», più «coesione», più «destini da mettere in comune». Insomma, dice Carlo Azeglio Ciampi, serve più Europa. Il doppio no al Trattato arrivato con i referendum di Francia e Olanda, il fallimento del vertice di Bruxelles, le parole dure di Bossi domenica a Pontida. Ma per il capo dello Stato non c’è alternativa, non c’è «un altro modello più efficace di quello che ci è stato dato in eredità dai padri fondatori» perché «le nostre culture fondanti sono un baluardo contro il riemergere del nazionalismo esasperato».
Dunque bisogna «andare avanti». Il momento è difficile, «siamo su un crinale», però «non possiamo arrenderci». Certo, spiega Ciampi incontrando al Quirinale i partecipanti a un convegno organizzato dall’università Gregoriana, qualche cosa va cambiata, qualche errore va corretto: «L’Unione europea non può funzionare solamente sulla base di un sistema di norme e regole, ma è sorretta da un’idea essenziale, la comunità di destini». E non è vero, insiste, che la burocrazia comunitaria soffoca gli Stati: «Le diversità interne completano e consolidano le identità nazionali, le rendono partecipi della ricchezza di un comune patrimonio culturale, espandono gli orizzonti dei cittadini, moltiplicano le opportunità dei nostri giovani». E non è, aggiunge, questione di dazi, come chiede la Lega: «L’unità e la coesione ci tutelano contro le incognite della globalizzazione e impediscono che la differenza di culture, religioni e nazionalità diventi fonte di contrapposizione». E poi non possiamo «deludere i dieci nuovi Paese entrati l’anno scorso nella Ue dopo 40 anni di dittatura».
Da qui la necessità di riprendere comunque in mano la Costituzione: «Ha rappresentato - dice ancora Ciampi - l’occasione per rafforzare le basi dell’ordinamento e migliorare la governabilità dell’Europa allargata. Ora si è verificata una battuta d’arresto ed è incerto quando il lavoro per il Trattato potrà essere ripreso. Però rimane essenziale per contrastare le forze centrifughe che insidiano l’unità europea e per fare prevalere il bene comune sugli interessi antagonisti degli Stati».
I Paesi membri hanno fatto da tempo la scelta fondamentale, quella di «rimuovere le contrapposizioni e di lavorare insieme per il raggiungimento delle finalità comuni». Per questo, nonostante siamo «in bilico», indietro non si torna. Alle spalle c’è «una storia complessa e gloriosa che affonda le proprie radici in un patrimonio cristiano e umanistico» e c’è «un dialogo tra le diverse tradizioni religiose e laiche» che «dopo secoli di divisioni ha fatto intravedere all’Europa le ragioni della sua forza». Tutti insieme siamo una potenza, in ordine sparso non contiamo nulla.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento