L’inflazione non cresce e domani via ai saldi

L’inflazione non cresce  e domani via ai saldi

Luca Moriconi

Una buona notizia per i milanesi: prezzi stabili in città. Il dato dell'inflazione di giugno, reso noto dal Servizio statistiche economiche di Palazzo Marino, risulta lo stesso del mese precedente, mentre su base annua si attesta a +1,3 per cento, in contrazione dello 0,3 per cento rispetto al +1,6 registrato a maggio.
Questo significa che a Milano i prezzi non sono aumentati al contrario di quanto è accaduto in altre città campione (vedi Genova, Cremona e Udine). Un sospiro di sollievo che i consumatori meneghini possono tirare alla vigilia della partenza dei saldi di fine stagione: l’appuntamento è per domani, per 60 giorni, in tutti i negozi della città. Un’altra occasione per risparmiare in un periodo non certo fortunato per l’economia targata Europa. Un’opportunità sicuramente ghiotta anche per i commercianti che sperano così di risollevare le vendite, per alcuni (i più allarmati e allarmisti) in continua contrazione. È il capitolo «comunicazione» a contribuire al contenimento dell’inflazione: rispetto al mese precedente si registra una diminuzione dei prezzi dello 0,4 per cento. Più consistente il calo su base annua: - 2,9 per cento. Sono i cellulari a trainare l’intero settore: telefonini e videofonini costano il 20,7 per cento in meno di un anno fa, il 2,3 per cento in meno rispetto al mese scorso. Se confrontati con i prezzi del giugno 2004, diminuiscono anche i servizi sanitari e le spese per la salute (-1,2 per cento). Il capitolo che cresce di più, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è quello di «abitazione, acqua, energia e combustibili» (+ 5.6 per cento). Seguono «alcolici e tabacchi» aumentati del 4,9 per cento, e i «trasporti» (+4,5 per cento). Rispetto al mese scorso, invece, l’inflazione è ferma in quasi tutti i capitoli, tranne quello di «ricreazione, spettacoli e cultura» (+ 0,2 per cento) e dei «servizi ricettivi e di ristorazione» (+0,3 per cento). «I dati confermano l'impegno e il lavoro svolto finora dall'Osservatorio dei Prezzi - dice l’assessore comunale al commercio Roberto Predolin -, che ha sempre operato con attenzione per sensibilizzare tutte le Associazioni di categoria e mantenere il giusto equilibrio».

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento