Lancia-Chrysler, revocati i mandati ai concessionari Oggi parte l’integrazione

Oggi, ultimo giorno di maggio, saranno spedite dalla casa madre le restanti lettere raccomandate di revoca del mandato a tutti i concessionari Lancia e Chrysler. Dopo l’accordo con il gruppo americano, Fiat diventa general distributor dei marchi di Auburn Hills. Quindi, da maggio 2011 vi sarà un’unica rete Lancia-Chrysler in Europa, con l’eccezione di Inghilterra e Irlanda. Obiettivo del Lingotto, dunque, è quello di amalgamare e razionalizzare le reti distributive, in pratica quello che sta accadendo rappresenta il primo esempio europeo di applicazione delle nuove regole sull’assistenza e la vendita dei ricambi.
«Da oggi al 2014 - spiega Piero Carlomagno, presidente dell’Ucif, Unione concessionari del gruppo Fiat - sono previsti 34 nuovi modelli trasversali a tutti i brand del gruppo. Sullo scenario europeo i veicoli attualmente marchiati Chrysler saranno in massima parte commercializzati con il logo Lancia. Il marchio Jeep, per il suo valore storico, resterà identico per tutte le nazioni. Questa decisione e stata presa con l'evidente scopo di dare anche ai concessionari Lancia una gamma prodotti più completa di quella di cui ha potuto disporre negli ultimi anni». E che cosa accadrà alle officine autorizzate? «Con la revoca a 12 mesi per la ristrutturazione della rete - risponde Carlomagno - decadranno tutti i contratti di sub-concessione di vendita e assistenza. I nuovi mandati saranno quindi riaffidati ai concessionari esistenti sia Lancia sia Chrysler e, in caso di sovrapposizioni, la casa sceglierà basandosi su criteri oggettivi predeterminati e discussi anche noi».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti