Lazio La colonnella Polverini fa il generale: «I centristi con me»

RomaQuando c’era ancora An erano Gasparri-La Russa-Matteoli i «colonnelli» del generalissimo Fini. Oggi ci sono «le tre moschettiere» Perina-Bongiorno-Polverini, come ha raccontato ieri il Giornale. Ma la storia si ripete, e il buon Fini-Costantino II sembra aver già trovato la sua nemesi. Nei panni del colonnello Papadopulos, ufficiale pronto a disegnare il futuro della nuova Atene, il candidato governatore del Lazio, Renata Polverini. Se l’ala «lealista» del Pdl scalpita contro un’intesa elettorale affrettata con l’Udc dei due forni, la sindacalista rassicura: «L’accordo con l’Udc c’è, è basato su idee precise e valori condivisi. Ed è un accordo firmato», ha detto ieri alla Stampa. «L’Udc a livello nazionale è all’opposizione, lo era anche al momento dell’accordo. Forse bisogna che entrambe le parti abbassino i toni». Insomma, è lei a dettare la linea e ad assumersi la responsabilità dell’ingombrante alleato. L’ufficio di presidenza Pdl di domani? «Non credo che l’accordo si romperà», perché «tutta la coalizione si può impegnare sulla politica per la famiglia». Poi, in un’intervista a Mattino Cinque: «Non è facile gestire alleanze diverse sui territori. Penso che però sia possibile se gli accordi sono su temi importanti». Il fatto che l’«amazzone» non sia rassegnata a un ruolo secondario è testimoniato dalle risposte alle osservazioni di Vittorio Feltri sulla sua scarsa omogeneità ideologica col centrodestra. «Il direttore, nell’ambito della sua totale indipendenza, può esprimere tutti i giudizi che vuole. Io ho la stessa libertà di rimanere come sono e di impegnarmi nelle cose in cui credo». Nessun passo indietro: «Rivendico che si può e si deve difendere il lavoro anche da posizioni di centrodestra». Il «colonnello» Polverini è un vero generale: Fini inizia a rendersene conto.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.