A Lerici storie di antichi corsari e di pirati dei nostri tempi

A Lerici storie di antichi corsari e di pirati dei nostri tempi

Venti scrittori, un convegno storico e uno sulla pirateria dei giorni nostri, una regata. Per tre giorni Lerici, borgo dello spezzino, «Legge il mare» nel primo Festival di letteratura marinaresca che prende il via il 18 settembre. La manifestazione - organizzata da Comune di Lerici in collaborazione con l’editrice Mursia, Autorità portuale della Spezia e società marittima di Mutuo soccorso - sarà inaugurato con l’apertura della Biblioteca del mare, cuore della rassegna che prevede incontri, conferenze e convegni distribuiti tra Lerici, Tellaro e San Terenzo. Gli incontri cominciano tutti alle 21, il primo prevede la partecipazione dello scrittore svedese Bjorn Larsson. Il 19 settembre, oltre alle presentazioni di libri dedicati al mare (tra questi, «L’uomo che parlava ai delfini» di Alfredo Giacon edito da Mursia), l’incontro con Francoise Moitessier. Due i convegni della rassegna: il primo dedicato ad Andrea Doria «principe corsaro» (ore 17, castello San Giorgio di Lerici) e un secondo, in programma alle 20, sui «Nuovi Pirati». A questo convegno prenderanno parte tra gli altri il contrammiraglio Fabio Caffio, della Marina militare, Massimo Marotti, ministro plenipotenziario per la Sicurezza internazionale e affari politico-militari della Farnesina, Stefano Stefanini, ambasciatore italiano alla Nato. È prevista la testimonianza del comandante Silvio Bortolotti, che comandava il «Buccanneer» quando venne sequestrato dai pirati somali. Due gli spettacoli previsti: il primo (18 settembre) in calata Mazzini, a Lerici: Jole Rosa interpreta «La vista del mondo» di Ettore Cozzani su trame sonore di Edy Mattei. Il 19, in piazza Garibaldi, il concerto dei Buio Pesto. Durante la kermesse verrà assegnato il premio «Solidarietà in mare».