Lerner, Italia. Fra emiri e periferie

Gad Lerner torna in Rai con "Islam, Italia" venticinque anni dopo "Milano, Italia". In un quarto di secolo il Paese è cambiato molto, sembra addirittura irriconoscibile rispetto ad allora

Mi sono ripromesso di non affrontare mai l'argomento Islam: troppo complesso, difficile da interpretare, questione su cui le opinioni spesso sono il risultato di poca informazione, di fanatismo, di pregiudizi o, peggio, di un atteggiamento lassista, addirittura rassegnato. Non è dunque così centrale nel discorso esprimere il proprio pensiero, ma tentare un'analisi ad ampio raggio, tenendo conto di diverse ipotesi. Eppure far finta che il tema non esista è irresponsabile, poiché nel futuro dovremmo capire se la convivenza tra mondi lontanissimi sia davvero possibile.

Questo il senso del giornalismo d'inchiesta. O almeno di ciò che dovrebbe essere. Scendere nell'arena, in strada, tra la gente e non commentare comodo dallo studio televisivo con ospiti addomesticati. Affrontare visi, caratteri, rabbie, paure lasciando aperte diverse porte. Altre domande, non risposte tautologiche.

Così Gad Lerner torna in Rai con Islam, Italia venticinque anni dopo Milano, Italia. In un quarto di secolo il Paese è cambiato molto, sembra addirittura irriconoscibile rispetto ad allora, quando il tema dell'immigrazione straniera era appena accennato mentre oggi si è trasformato in fattore scatenante conflitti. Le idee politiche di Lerner, peraltro, le conosciamo e in buona parte non le condividiamo, ma ciò non ci impedisce di apprezzare chi il suo mestiere lo sa fare. Il fatto che non manifesti empatia alcuna verso il telespettatore può sembrare un ulteriore limite, invece il non essere ammiccante e fintamente simpatico lo consideriamo un bonus a suo favore, esatto contrario di troppa paraculaggine diffusa. Bisogna prestare attenzione ai contenuti dei programmi, non alla verve del conduttore.

Nella prima puntata (su sei) di Islam, Italia, in onda su Raitre intorno alle 23, Lerner si sofferma soprattutto sul rapporto estremamente contraddittorio tra la religione e il denaro. C'è da chiedersi, ad esempio, quale sia la relazione tra la classe più umile di lavoratori nella provincia italiana e le immense ricchezze del Qatar. Se intolleranza e terrorismo nascano e si sviluppino nella povertà e nell'indigenza oppure nei centri direzionali del potere dei sultanati. Il giornalista chiede, si informa cercando di scalfire il muro, peraltro gentile, di omertà e omissioni. Incalza l'interlocutore, tentando persino di interloquire con le donne in situazioni dove è vietato. Cinquanta minuti incalzanti di ottimo reportage. Vale certo la pena di seguire anche le prossime puntate, non per appianare i nostri ben più che legittimi dubbi sulla questione Islam, ma anche solo per trovarci davanti un quadro più generale e articolato.

Commenti

Kerenkeren

Dom, 27/11/2016 - 09:56

Figurati se il feudo comunista di raii3 poteva rifiutare uno spazio a un disoccupato comunista ebreo libanese.

Ritratto di SAXO

SAXO

Dom, 27/11/2016 - 11:13

Ripugnante individuo ,un ebreo-sionista radical chick, che svolge il ruolo di divulgatore del perbenismo e samaritanesimo in generale .Farebbe meglio a spiegare in televisione i concetti universali di cui lui ne incarna a perfezione le linee essenziali, ossia quelli del fariseo per eccellenza !

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 27/11/2016 - 11:16

grande pezzo di....

chebruttaroba

Dom, 27/11/2016 - 11:25

Un amico degli islamici che seguono il profeta pedofilo.

occhiotv

Dom, 27/11/2016 - 12:44

Tanto ci siamo noi "fessi italiani" che con il canone gli paghiamo il suo compenso. Povera Italia!!!!!!!!

Gianca59

Dom, 27/11/2016 - 12:57

Perfino quando ride, vedi foto, appare insopportabile. Figurarsi quando parla. Figurarsi per quel che dice.

leopard73

Dom, 27/11/2016 - 13:08

CHE DIRE UN BRUTTO PERSONAGGIO OSTILE A TUTTO QUANDO PARLA SPRIZZA VELENO DA TUTTE LE PARTI SE NON SEI DALLA SUA, MI RICORDO QUANDO IN DIRETTA TV CON BERLUSCONI AL TELEFONO GLI HA DETTO Perché NON VA A CONSEGNARI ALLA MAGISTRATURA!!! CI VUOLE UNA FACCIA DI TOLLA A DIRE CERTE FRASI, QUESTO E IL PERSONAGGIO PUBBLICO DI TELEKABUL ITALIA. DOPO SI LAMENTANO Perché IL PROGRAMMA NON FA ODIENS.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Dom, 27/11/2016 - 13:20

...e per sembrare meno di parte s'è tagliato la barba!

Ritratto di Anna 17

Anonimo (non verificato)

ziobeppe1951

Dom, 27/11/2016 - 13:37

È un buono a nulla ma capace di tutto

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Dom, 27/11/2016 - 14:11

Però ... però ... se tutti - con il telecomando - cancellassero RAi 3 dall'elenco canali - forse le cose cambierebbero.

pilandi

Dom, 27/11/2016 - 14:44

io di mio ho cancellato tutte le reti mediaset... vale lo stesso?

angelo1951

Dom, 27/11/2016 - 15:06

quanto lo paga la rai con la tassa canone e quanti spettatori ha avuto?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 27/11/2016 - 15:27

Persona ripugnante.

venco

Dom, 27/11/2016 - 16:00

Dell'islam noi dobbiamo conoscere e preoccuparci delle sure che parlano di cristiani è non islamici in genere, e questo basta per definire l'islam una ideologia criminale, altro che "religione di pace" come dicono loro.

Keplero17

Dom, 27/11/2016 - 16:26

E' a favore dei migranti e dei rom mantenuti dagli italiani.

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 27/11/2016 - 18:04

Lerner non solo non è "ammiccante e fintamente simpatico", è proprio sxxxxxo; fazioso, insopportabile e sxxxxxo. Beatrice non cerchi di edulcorare la pillola, chiami le cose col loro nome. L'essere antipatico, fazioso e insopportabile non è un pregio, né umano, né professionale. E' una caratteristica degli sxxxxxi.

alfa2000

Lun, 28/11/2016 - 02:55

io spero che faccia un boom di share........................ sì magari un bello 0,,,,,,,,,,,,, così a casa lui e a Bignardi. e speriamo prima o poi si riesca ad abolire il canone, poi li voglio vedere questi pseudo artisti coi privati e la pubblicità, chi punta i propri soldi su di loro. tse, tutti a casa pubblicare x favore grazie

Altoviti

Gio, 15/12/2016 - 12:47

Buttato in galera!