Letwind, l'eolico italiano alle Olimpiadi di Vancouver

Occhi del mondo "verde" puntati sul generatore eolico che Leitwind sta installando a Grouse Mountain, Canada, teatro delle Olimpiadi Invernali del febbraio 2010. L'imponente turbina dell'azienda del Gruppo Leitner Technologies (che con un fatturato 2009 da 600 milioni si conferma leader negli impianti di trasporto a fune), fornirà energia all'intera stazione sciistica, durante e anche dopo la prestigiosa competizione sportiva. Con quest'ultimo incarico il valore complessivo delle commesse che la Società altoatesina ha conquistato nel 2009 supera gli 80 milioni di euro.
Spiega il presidente Leitner Michael Seeber: «Leitwind ha portato in Canada un LTW77 da 1,5 MW alto 65 metri e capace di produrre 2 milioni di kWh all'anno. Collocato in cima a una montagna, è dotato di una piattaforma per 36 persone, da cui si ha una panoramica eccezionale di Vancouver e della zona montagnosa a nord. Un impianto eolico di notevole rilevanza, destinato a diventare l'emblema di una Città Olimpica "verde", grazie al quale l'attenzione mondiale si sta focalizzando su di noi. Anche se, ovviamente, il massimo del ritorno di immagine è atteso dal 12 febbraio in poi, giorno dell'inaugurazione dei Giochi».
Le attività del Gruppo nel campo dell'energia eolica hanno avuto inizio nel 2001, con lo studio delle possibili applicazioni in questo settore delle avanzate tecnologie Leitner per gli impianti a fune. Queste ricerche hanno portato alla realizzazione di turbine di efficienza superiore, che il mercato ha accolto con favore. Oggi Leitwind, creata nel 2004 e diventata nel 2008 Società indipendente - unica azienda italiana che produce e può competere a livello internazionale nell'eolico di classe Mw - esprime il 15% del fatturato complessivo del Gruppo, pari a circa 80 milioni, con un previsto 20% nel prossimo anno.
Per quanto riguarda l'estero, i contratti 2009 riguardano, oltre al Canada, la Bulgaria - che ha richiesto 10 impianti - la Francia, la Slovenia e soprattutto l'India, dove Leitwind sta portando a termine incarichi per 30 milioni. Per fare fronte all'impennata di commesse, l'azienda ha realizzato a Chennai, accanto al centro di assemblaggio realizzato nel 2008 in joint-venture con il Gruppo locale Shriram, i nuovi stabilimenti per la produzione di aerogeneratori per il mercato asiatico. L'inaugurazione ufficiale avrà luogo venerdì 25 settembre. Gli imponenti edifici, realizzati su una superficie di 9 ettari, sono costati 16 milioni di euro. «Con questo investimento potremo cogliere l'obiettivo dei 100 milioni di fatturato in India di qui al 2011» aggiunge Anton Seeber, figlio del presidente Michael e amministratore delegato della Leitwind Spa. Sempre nel triennio il turnover estero dovrebbe arrivare a 170 milioni.
Anche l'Italia sta rispondendo bene alle innovazioni Leitwind. Entro fine anno l'azienda di Vipiteno avrà al suo attivo 15 impianti collocati nel 2009 tra Puglia, Basilicata e Toscana, per un totale di 30 milioni. Da citare, tra gli altri, il parco eolico in Val di Cecina (PI) - primo a livello nazionale ad essere stato costruito con aerogeneratori completamente sviluppati e prodotti in Italia - che Leitwind ha realizzato la scorsa primavera in neppure 4 mesi, nonostante le probitive condizioni meteo. Nel 2010 il fatturato interno dovrebbe superare il limite dei 100 milioni di euro.
Per quanto riguarda gli investimenti 2009, 5 milioni sono stati stanziati per lo studio di nuovi prodotti. Nei suoi laboratori, Leitwind ha messo a punto un LTW80, già installato in Bulgaria, che presenta un incremento di produzione energetica del 14% rispetto al modello precedente, e un LTW70 per venti forti, con una versione da alta montagna e una per il deserto: prototipi pronti nel 2010. Inoltre sta sviluppando una gamma di turbine da 3 MW "tandem", composte da due generatori da 1,5 MW collegati e montati su un unico sostegno, per offrire maggiore efficienza e facilità di trasporto. Gli investimenti in R&D di qui al 2011 ammonteranno, secondo il management, a 15 milioni.
Leitwind è l'azienda specializzata in generatori per energia eolica del Gruppo Leitner Technologies, attiva a livello internazionale anche nei settori impianti a fune (Leitner Ropeways), battipista (Prinoth) e impianti di trasporto urbano (MiniMetro). Oltre l'80% della produzione va all'estero. I dipendenti, sparsi in tutto il mondo, superano le 2000 unità. Grazie anche al positivo andamento di Leitwind, il Gruppo di Vipiteno sta riuscendo a conquistare ulteriori quote sul mercato globale. Nonostante la congiuntura sfavorevole, quindi, le il 2009 si appresta a riconfermare i buoni risultati già ottenuti nel 2008.

Commenti

Grazie per il tuo commento